Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Che fine ha fatto il dottor Morte?

Condividi

Un libro del 2014 di due giornalisti del New York Times, Nicholas Kulish e Souad Mekhennet, ha cercato di fare chiarezza (definitivamente?) sulla sorte del criminale nazista Aribert Heim: Il dottor Morte. Storia della caccia al medico boia di Mauthausen.

L'ex membro delle Waffen SS, austriaco, fu medico nei lager di Buchenwald e di Mauthausen e nel dopoguerra venne accusato da diversi sopravvissuti di varie nefandezze, come l’asportazione di organi a pazienti sani, la sperimentazione di veleni e farmaci sui deportati e l’uccisione dei pazienti iniettando loro benzina nel cuore (conservava il loro teschio come trofeo sulla sua scrivania).

Morto Hitler, nel caos post bellico della Germania, Heim riuscì a farla franca, acquisendo una falsa identità e trasferendosi a Bad Nauheim, vicino a Francoforte, dove giocava per la squadra di hockey dei Red Devils. Poi incontrò una ragazza di una famiglia molto ricca, la sposò e si stabilì con lei nella cittadina termale di Baden-Baden, dove esercitò la professione di ginecologo.

Fu solo grazie ad alcuni poliziotti tedeschi, tra i quali – racconta il libro – spicca la figura di Alfred Aedtner, che fu finalmente individuato. Aedtner era un cacciatore di criminali di guerra e collaborava con il leggendario Simon Wiesenthal e il suo centro.

 

Purtroppo Heim sfuggì alla cattura e nel ’62 si diede alla latitanza, scappando a bordo di una Mercedes in Francia, in Spagna, in Marocco e quindi in Egitto, senza essere trovato, nonostante le ricerche scatenate dalla giustizia tedesca, austriaca e israeliana, con una taglia di oltre 300mila euro.

Kulish e Mekhennet hanno ricostruito la sua fuga, anche grazie alla scoperta in Egitto di una valigia di Heim piena di lettere, cartelle mediche e testi sugli ebrei e l'antisemitismo.

I due giornalisti, nel loro libro (uscito in Usa con il titolo The Eternal Nazi), hanno svelato come riuscì a dileguarsi e l’incredibile storia successiva. Il criminale nazista, infatti, si nascose in un quartiere operaio del Cairo e poi si convertì all’Islam, col nome di Tarek Hussein Farid.

Il dottor Morte morì forse di cancro nel ’92 e fu sepolto in una fossa comune.

Ma ogni tanto si torna a parlare della possibilità che sia vivo.

Nel 2010 il direttore del Centro Wiesenthal Efraim Zuroff dichiarò che il caso era ancora aperto perché non “esistono prove scientifico-legali” del decesso. E gli stessi Kulish e Mekhennet hanno ammesso che il suo corpo non è mai stato ritrovato. Il mistero continua.

 

Mario Avagliano

 

Statistiche

Utenti registrati
137
Articoli
3211
Web Links
6
Visite agli articoli
15754725

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 420 visitatori e nessun utente online