Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

I ricordi di Napoli nella Giornata della Memoria

Condividi

Nella Giornata della Memoria la città di Napoli ha ricordato la tragedia dell’Olocausto con un omaggio innanzitutto ai cittadini partenopei che ne furono vittime, a cominciare da Luciana Pacifici, la più giovane vittima delle leggi razziali del nazifascismo che, a pochi mesi di vita, fu deportata ad Auschwitz con la famiglia.

«Rappresenta non solo un luogo del ricordo e della memoria, ma anche un luogo dell’impegno di Napoli nel contrastare tutte quelle che sono forme di intolleranza e ricordare questo terribile episodio della Shoah.

Mai come in questo momento nel quale ritornano in Europa venti di intolleranza e venti di violenza ricordare con grande impegno questo momento buio della nostra storia, soprattutto per le nuove generazioni è molto importante perché è un monito per evitare di ripetere gli errori del passato.» [G. Manfredi – Sindaco di Napoli]

Successivamente sono stati deposti dei fiori in P.zza Bovio presso le pietre d’inciampo e la cerimonia in Prefettura con la consegna delle medaglie alle vittime della deportazione nei lager nazisti.

 

«E’ una giornata importante per il presente e soprattutto per il futuro per trasmettere ai ragazzi e a coloro che non hanno vissuto questa tragedia il senso di questo sacrificio e soprattutto il pericolo che questi episodi così terribili possano ripetersi. Avere un impegno costante contro ogni forma di intolleranza e di violenza è il miglior modo per difendere la nostra democrazia.» [G. Manfredi – Sindaco di Napoli]

 

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

Statistiche

Utenti registrati
137
Articoli
3179
Web Links
6
Visite agli articoli
15316737

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 366 visitatori e nessun utente online