Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Cronaca dell’eruzione del Vesuvio del 1794

Condividi

La violenta eruzione del Vesuvio del 1794, distrusse la città di Torre del Greco e costrinse le 18000 anime che la popolavano ad una dura opera di ricostruzione dell'abitato sullo stesso sedime su cui si stratificò la lava.

A Napoli, il fenomeno ebbe come curioso e competente studioso l'ambasciatore inglese William Hamilton, che però passò alla storia solo per le imprese amorose della sua bella e giovane moglie Emma con l’ammiraglio Nelson.

La città in quell'estate era distratta dagli eventi che, portarono sul patibolo i primi tre martiri della Repubblica Napoletana, Emanuele De Deo, Vincenzo Vitaliano e Vincenzo Galliani. accusati di congiura contro la monarchia.

La popolazione non poté far altro che chiedere il provvidenziale aiuto di San Gennaro, invocandolo con litanie, messe scalze e processioni in cattedrale

Il Santo non si fece attendere a lungo.  Già durante l’eruzione del 1631 aveva fatto gridare al miracolo quando la sua statua marmorea sul ponte della Maddalena aveva fermato la lava sollevando un braccio e il volto verso il Vesuvio e da allora così si era amato raffigurarlo.

Purtroppo stavolta i pescatori di corallo della Torre alle pendici del vulcano tornando dal mare non videro mai più le loro case travolte e sepolte dalla lava.

Una cronaca dettagliata dell’eruzione del 1794 fu pubblicata sul Nuovo giornale d'Italia del 5 luglio e viene qui di  seguito riproposta nella sua stampa originale.

 

 

 

 

 

 

 

Statistiche

Utenti registrati
129
Articoli
2593
Web Links
6
Visite agli articoli
11185731

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 285 visitatori e nessun utente online