Cittadinanza onoraria a Salvatore Borsellino

Condividi

"Per la dedizione assoluta con cui si è attivato nel contrasto alla criminalità organizzata, al malgoverno, alle collusioni tra mafia e politica e tra mafie ed istituzioni".

Così si apre la motivazione con cui il sindaco, Luigi de Magistris, ha conferito il 13 luglio la cittadinanza onoraria a Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo che venti anni fa venne ucciso a via D'Amelio a Palermo assieme a cinque uomini della scorta.

Salvatore Borsellino è stato il promotore del movimento civile delle "Agende Rosse", che prende nome da quel taccuino su cui il magistrato annotva i suoi appunti personali e che dopo la strage in via D'Amelio scomparve in circostanze mai chiarite.

 

Alla cerimonia ha preso parte anche il procuratore palerminato Antonio Ingroia che di Paolo Borsellino fu giovane collaboratore.

 

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2065
Web Links
6
Visite agli articoli
7470269

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 200 visitatori e nessun utente online