Remember - Arricuordate

Condividi

«E' uno strano dolore (...) Morire di nostalgia per qualcosa che non vivrai mai. .»  (Alessandro Baricco)Antonella Orefice, ormai prossima alla presentazione del suo: Mariano D’Ayala Il Pantheon dei Martiri del 1799, fa un regalo al Napoletano, ai napoletani, all’Italiano, all’Inglese, alla Poesia, a Christina Georgina Rossetti, alla traduttrice Dida Paggi, a Pragmata Edizioni-Monica Palozzi, a Napoli Misteriosa e a chi lì nelle sue pagine ha dato fondo alla propria sensibilità per declinare parole ammantate da vibrazioni poetiche.

La bellissima poesia REMEMBER, di Christina Georgina Rossetti, appunto, che in tanti hanno provato a tradurre con risultati da analizzare senza pregiudizi, trova il sole di Napoli, la creatività di una fine ricercatrice. Trova il sapere e il senso della storia millenaria e si aspetta che altri orizzonti si aprano, che nuovi Soli diano spinta ad altre vite poetiche.

 

 

Remember

Remember me when I am gone away
Gone far away into the silent land;
When you can no more hold me by the hand,
Nor I half turn to go yet turning stay.
Remember me when no more day by day
You tell me of our future that you planned:
Only remember me; you understand
It will be late to counsel then or pray.
Yet If you should forget me for a while
And afterwards remember, do not grieve:
For if the darkness and corruption leave
A vestige of the thoughts that once I had,
Better by far you should forget and smile
Than that you should remember and be sad.


Arricuordate

Arricuordate e me, quanne sarraggio luntana

luntane int’a terra sulagna
quanne nun putarraje chiù tenerme a mano

né io putarraggio tricà, ntumosa.

Arricuordate e me quanne, nu juorn aroppa a nato

nun me putarraje parlà chiù e chillu dimane che avevamo sunnato
arricurdate e me e niente chiù

prià o cunsiglià nun o può fa chiù

Ma si tu te aviss pe nun poco scurdà e me

pe te arricurdà e me aropp,

nun avè paura se oscur e nfamità sanno lascià
quaccosa e me che ancora trica a murì

io vulesse ca tu me scurdasse e rerisse
e no che, arricurdannat, tu chiagnisse.


 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2086
Web Links
6
Visite agli articoli
7710026

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 239 visitatori e nessun utente online