I delitti dei pubblici ufficiali contro la Pubblica Amministrazione

Condividi

I delitti contro la Pubblica Amministrazione presentano notevoli aspetti problematici. Sono questioni insolute che investono il rapporto tra l'esercizio dell'attività amministrativa ed il controllo giurisdizionale della stessa. Da una parte, bisogna riconoscere al pubblico agente lo spazio di discrezionalità che permette il dispiegarsi della sua azione molto efficace. Dall'altra, le condotte criminali divengono sempre più sottili ed insidiose, mostrando caratterisctiche di abitualità, se non di serialità.

Queste tensioni si sviluppano in uno scenario in cui mutano i rapporti sociali e cambiano, sia pur lentamente, gli assetti normativi del sistema pubblico, ma rimane immutato il contesto di tendenziale omertà, favorito dai convergenti del reo e della vittima (quando quest'ultima non versa in condizione di assoggettamento).

Il 21 Maggio, alle ore 15.00, presso l'Auditorium del Palazzo di Giustizia si terrà l'incontro di studio

"I delitti dei pubblici ufficiali contro la Pubblica Amministrazione tra diritto positivo e prospettive de lege ferenda".

 

Programma:

Indirizzo di saluto

Dott. Antonio Bonaiuto - Presidente della Corte d'Appello di Napoli

Dott. Vittorio Martusciello - Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Napoli.

Interventi:

Dott. Piercamillo Davigo - Consigliere presso la Suprema Corte di Cassazione.

Corruzione e concussione. Struttura delle incriminazioni, ambiti applicativi e fonti sovranazionali.

Prof. Vittorio Manes - Docente di Diritto Penale presso l'Università di Salerno - Ufficio Studi della Corte Costituzionale.

L'azione amministrativa e la delega al privato di pubbliche funzioni: effetti sulle qualifiche di cui agli artt. 357 e 358 c.p..

Prof. Alberto di Martino - Professore di Diritto penale della Scuola SUperiore Sant'Anna di Pisa.

L'insostenibile leggerezza del reato di abuso d'ufficio. Il rifiuto e l'omissione di atti d'ufficio.

Dott. Henry John Woodcock - Sostituto Procuratore della Repubblica di Napoli.

La corruzione internazionale: il fenomeno, le questioni di giurisdizione e competenza, le tecniche di indagine. La "corruzione per asservimento" tra il diritto giurisprudenziale interno, le prospettive de jure condendo e l'esperienza di altri ordinamenti.

 

I Referenti per la Formazione: Antonio Cairo, Luigi Giordano e Raffaele Piccirillo www.formazionemagistratinapoli.it

(081 2232310)


 

 


 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
116
Articoli
2042
Web Links
6
Visite agli articoli
7203127

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 150 visitatori e nessun utente online