Convegni Culturali

Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano. Incontri culturali

7-9-30 Maggio, Museo Civico del Risorgimento di S. M. Capua Vetere

Leggi tutto...

Lezioni di Storia Festival

25-28 aprile 2019. Il primo Festival di Storia a Napoli

Leggi tutto...

220 Anniversario della Repubblica Napoletana del 1799

 Calendario eventi dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...

Luigi Mascilli Migliorini "La verità dei vinti. Quattro storie mediterranee"

15-18 aprile 2019, ore 16 Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...
 

Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Hemingway nel Cilento

Condividi

Quando ero ragazzo, avevo due passioni: il mare ed Hemingway. Così appena ebbi l’opportunità e la possibilità, in giovanissima età, decisi che sarei andato a Biarriz, sull’Atlantico franco-spagnolo alla ricerca e alla scoperta dei luoghi descritti da Hemingway in romanzi come “Fiesta” e “Fiesta mobile”. Rimasi stupito e attonito, quando scoprii le immensità e le profondità, le cupezze e le orride volubilità delle spiagge, dei cieli e dei mari oceanici, così diversi dal mio Mediterraneo.

A distanza di qualche anno, con l’ampliamento dell’asse viario che attraversa il Cilento, per me ragazzo e non solo per me, ma per tante generazioni di italiani luogo mitologico  ignoto e misterioso, ogni tanto squarciato e illuminato da qualche racconto paterno che ne magnificava la superlativa, indicibile e  impenetrabile bellezza associata ad una esotica  lontananza  e ad una indefinibile  e oscura diversità, superai lo storico confine del Sele e dell’Alento per la prima volta nella mia vita e mi ritrovai tra le coste e le spiagge sabbiose tra Palinuro e Camerota.

Fui fulminato sulla via di Damasco: il panorama che avevo davanti ai miei occhi era identico a quello di Biarriz descritto da Hemingway nei suoi romanzi con la differenza del sole africano. Leggendo alcune biografie su Hemingway, venni a spere che il grande scrittore americano andava in vacanza negli anni cinquanta anche ad Acciaroli, borgo cilentano di pescatori, una lingua di terra bianca che perforava e perfora l’infinito e azzurro Tirreno meridionale, sovrastato da montagne brulle e incassate che lo circondano e lo rendono un pezzo di Messico o di Cuba nel Mediterraneo. Alcuni abitanti del luogo mi riferirono che ancora tra di loro  quel tratto di mare adiacente Acciaroli era chiamato “mare di Hemingway”.

 

E anch’io, come gli Acciarolesi, credo che il capolavoro del giornalista americano,”Il vecchio e il mare” non sia stato scritto, pensando a Cuba, dove pure sono stato, ma pensando al mare  ed alle coste del Cilento.  Qualche anno dopo sulle coste cilentane credo di essermi imbattuto, non a caso,in un altro spirito hemingwayano, il grande Huston, cineasta di gran classe del “Tesoro della Sierra Madre”, sbarcato dalla sua barca nel porto di Palinuro.

Assomigliava sraordinariamente nel fisico, nel vestire e nell’incedere allo scrittore nord-americano. Qualche settimana dopo seppi dai giornali che era morto.

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2076
Web Links
6
Visite agli articoli
7987802

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 265 visitatori e nessun utente online