I vecchi film suscitano nostalgie sopite

Condividi

Succede, a volte, che la visione di un vecchio film riempia la mente di nostalgie sopite perché si riferiscono a tempi passati. A me è capitato in questi giorni rivedendo “Forrest Gump”, il capolavoro di Robert Zemeckis girato nel 1994.

Molte scene mi hanno fatto subito ripensare al periodo trascorso come “graduate student”, nei primi anni ’80, all’Università di Pittsburgh in Pennsylvania. Non la cosmopolita New York, dunque, nella quale soggiornai nel decennio successivo, bensì una città industriale espressione dell’America autentica, quella del Mid West. Ancora al centro del mondo nonostante le ferite della sconfitta nella guerra del Vietnam fossero più che mai fresche ed evidenti.

Difficile dire cosa abbia scatenato la nostalgia. Probabilmente la visione, per quanto ricostruita sul set cinematografico, di un’America che non c’è più e che, sicuramente, mai più ritornerà.

Da studente italiano ricordo la meraviglia per l’incredibile diffusione dei fast food, che da noi erano ancora rarissimi, e che io utilizzavo molto disponendo di una borsa di studio sufficiente per vivere, ma non certo adatta per scialare.

 

Stessa meraviglia quando, aprendo un conto corrente, la banca mi diede subito il bancomat, che da noi iniziava appena a diffondersi. Sensazione di onnipotenza quando capii che potevo prelevare il contante allo sportello automatico senza fare lunghe file nella filiale.

Il personaggio di Forrest Gump viveva nel profondo Sud, in Alabama, quindi in un ambiente diverso dalla Pennsylvania dove io abitavo. Ma, a tale proposito, è netto anche il ricordo dell’aiuto fornito dall’università per trovare alloggio in coabitazione con altri studenti, di solito americani, con qualche raro straniero.

Era, quella, un’America in cui si respirava un’aria di libertà maggiore rispetto all’Europa. Si aveva l’impressione di poter fare tutto senza troppi ostacoli, favoriti anche dall’ottima qualità dei corsi universitari. E gli americani, almeno allora, erano tolleranti verso coloro che avevano un accento straniero. Al punto che fui pure incaricato di fare lezioni “di ripasso” in qualità di “teaching assistant”. Nessun lamento, solo qualche sorriso di comprensione per l’accento un po’ esotico.

In seguito, dopo essere tornato come “visiting professor” nella stessa Pittsburgh e in altri atenei, mi accorsi per l’appunto che quell’America non c’era più. Più evidenti le tensioni razziali, meno sicuri della superiorità del loro sistema gli studenti e i cittadini in generale, maggiore il senso di insicurezza percepibile nella vita quotidiana.

Ecco quindi come un film può far ripercorrere in un baleno tanti episodi della vita di un individuo, inducendolo a rimpiangere ciò che è stato e che non si ripeterà più.

 

Statistiche

Utenti registrati
137
Articoli
3206
Web Links
6
Visite agli articoli
15676743

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 1287 visitatori e nessun utente online