Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Piazza Fontana cinquant'anni dopo: la memoria come anticorpo

Condividi

Piazza Fontana cinquanta anni dopo. La memoria come anticorpo. Un dibattito a Piazza Fontana in ricordo delle vittime della strage di Piazza Fontana, l’attentato terroristico nel centro di Milano presso la Banca Nazionale dell’Agricoltura. Diciassette morti e ottantotto feriti il bilancio di quello che segnò l’inizio della strategia della tensione degli anni di piombo.

«Ai ragazzi di oggi sembra proprio non avere due delle tre dimensioni fondamentali dell’essere umano: passato, presente e futuro. Gli manca il passato e gli manca il futuro. Dunque in questa dimensione di tutto presente cerchiamo di avere strumenti per guidare anche il cammino degli altri. Questa è l’idea che, secondo me, rende molto importante quello che il comune di Napoli, come tantissimi Comuni in questo momento stiamo facendo per fare in modo che il presente stia ancorato al passato, ma al tempo stesso sia premessa per il futuro.» [Prof. Guido D’Agostino. Pres. Istituto Storia della Resistenza]

Ad una distanza di tempo che potrebbe far sembrare Piazza Fontana ancora troppo vicina o già troppo lontana, possiamo dire che la memoria ha fatto e prodotto molti più effetti di quanto sia avvenuto, invece, per il lato giudiziario e che è altrettanto importante oggi la ricostruzione e la comprensione dei fatti, quanto la loro attualizzazione.

«Bisogna ricordare quelle diciassette persone, bisogna ricordare quella  diciottesima vittima, Giuseppe Pinelli, entrato vivo in una questura del nostro Paese ed uscito dopo alcuni giorni morto.» [Enrico Panini, Vicesindaco di Napoli]

 

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

Convegni

Lezioni di Storia Festival 2020

A Napoli dal 27 Febbraio al 1 Marzo

 

 

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2236
Web Links
6
Visite agli articoli
9250804

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 173 visitatori e nessun utente online