Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

L'esilio di Giuseppe Maria Capece Zurlo

Condividi

Il 1799 fu, come è noto, un anno di grande travaglio politico e sociale per il Regno di Napoli. Il regime repubblicano e poi la restaurazione monarchica causarono nelle opposte fazioni, a fasi alterne, incontrollato entusiasmo e profondo scoramento.

Nel furore della reazione, numerose furono le condanne a morte o all’esilio per quelli che avevano sposato, in maniera più o meno aperta e convinta, la causa della Repubblica Napoletana. Tra coloro per i quali la Corona borbonica decretò la damnatio memoriae spicca il cardinale Giuseppe Maria Capece Zurlo, arcivescovo di Napoli. Ferocemente apostrofato dai suoi detrattori oppure esaltato come martire dai suoi sostenitori, Capece Zurlo ha attirato l’attenzione dei suoi contemporanei e, fin dalla seconda metà del XIX secolo, l’interesse degli studiosi.

Sebbene la più recente ricostruzione biografica metta in luce interessanti questioni legate all’esperienza pastorale di Capece Zurlo prima a Calvi (1756-1782) e poi a Napoli (1782-1801), resta, tuttavia, avvolto nell’ombra l’ultimo periodo della sua lunga giornata terrena, trascorso in esilio nel palazzo abbaziale di Loreto di Montevergine.

 

Nonostante che fosse nota, almeno dal 1861, la sua cosiddetta “lettera apologetica” – un documentato memoriale inviato a Ferdinando IV con l’intento di rigettare le accuse sul suo presunto coinvolgimento nelle vicende repubblicane – i ricercatori non hanno sentito il bisogno di andare oltre quanto da altri scritto in precedenza. Si è dato, ad esempio, quasi per scontato che il memoriale fosse un unicum, senza domandarsi se la sua comprensione potesse essere completata con il ritrovamento di ulteriore documentazione.

A tale scopo è stato necessario condurre nuove indagini, che hanno consentito di ricostruire in maniera dettagliata quanto avvenuto durante l’esilio dell’arcivescovo di Napoli e di completare le informazioni già note agli studiosi.

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca a Napoli

La Salerno Editrice è lieta di invitarvi alla prima presentazione del volume Eleonora Pimentel Fonseca. L'eroina della Repubblica Napoletana del 1799, di Antonella Orefice, pubblicato nella collana "Profili".

L'evento si terrà a Napoli all'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano sito in Via Monte di Dio, 14, il giorno

16 Ottobre 2019 alle ore 17:30

Interverranno con l'autrice il presidente dell'I.I.S.F. Massimiliano Marotta, il prof. Luigi Mascilli Migliorini dell'Università di Napoli "l'Orientale", la prof.ssa Renata De Lorenzo dell' Università "Federico II" e il prof. Davide Grossi, ricercatore dell'Istituto Italiano Studi Storici.

 

 

 

 

 

 

 

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2164
Web Links
6
Visite agli articoli
8628318

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 262 visitatori e nessun utente online