Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Storia e tradizione nella traslazione delle reliquie di S. Luciano

Condividi

Il culto delle reliquie dei santi e le reliquie stesse, come il processo della loro acquisizione e tesaurizzazione, negli ultimi decenni sono state oggetto fecondo della storiografia, che nell’allargamento dell’orizzonte le ha inquadrate in una prospettiva globale e interdisciplinare propria della ricerca storica.

Oltre lo studio erudito da parte della storiografia ecclesiastica allo scopo di mostrare la realtà storica dei santi, ben lungi dalla mera ricerca antiquaria e ben al di là dell’ottica positivistica o del razionalismo liberale di fine Ottocento come altrettanto lontano dalla facile apologetica cattolica, gli studi recenti hanno inquadrato il vasto fenomeno ruotante intorno alle reliquie come uno degli osservatori speciali non solo della concezione della santità cristiana, ma della storia della mentalità, della civiltà e della cultura.

Come l’agiografia, lo studio scientifico sui santi troppo spesso nel passato confinato nello spazio della storiografia ecclesiastica volta a provare la storicità del santo, è divenuta un osservatorio tra i più significativi per la ricerca storica, così anche la ricerca sul culto delle reliquie ha visto allargato il suo campo d’investigazione, parte integrante della storia dei rapporti fra mondo dei vivi e mondo dei morti.

 

«Le reliquie sono divenute», come afferma S. Boesch, «strumento per conoscere la mentalità, la società, le istituzioni, uno degli indicatori più interessanti per la storia delle società, non soltanto per la cristianità tardantica e medievale—tradizionalmente considerata come il terreno privilegiato di questa forma di culto —, ma per il cristianesimo di tutti i secoli».

 

 

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2183
Web Links
6
Visite agli articoli
8774948

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 318 visitatori e nessun utente online