Convegni Culturali

Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano. Incontri culturali

7-9-30 Maggio, Museo Civico del Risorgimento di S. M. Capua Vetere

Leggi tutto...

Lezioni di Storia Festival

25-28 aprile 2019. Il primo Festival di Storia a Napoli

Leggi tutto...

220 Anniversario della Repubblica Napoletana del 1799

 Calendario eventi dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...

Luigi Mascilli Migliorini "La verità dei vinti. Quattro storie mediterranee"

15-18 aprile 2019, ore 16 Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...
 

Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Giorgio Napolitano: un grande presidente difensore dell'Unione Europea

Condividi

Roma, 14 gennaio 2015: con dignità e onore, e nel riconoscimento unanime del ruolo altissimo esercitato con rigore, responsabilità e  competenza estrema, si è dimesso, come promesso alla sua seconda elezione (voluto da tutti i partiti, tranne 5 Stelle), il Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.

Nato a Napoli il 29 giugno 1925 da Giovanni e Carolina Bobbio, si è laureato in giurisprudenza all'Università di Napoli nel 1947.

Antifascista nel profondo, ha scelto di militare nel Partito Comunista Italiano dal 1945, di cui è stato militante e dirigente fino alla costituzione del Partito Democratico della Sinistra.

È stato eletto deputato nel 1953 e, tranne la IV legislatura, è stato sempre rieletto fino al 1996 nella circoscrizione di Napoli.

È stato presidente del gruppo parlamentare del suo partito. E' stato presidente della Camera.

Dal 1989 al 1992 è stato deputato europeo, facendosi apprezzare per le sue qualità personali, intellettuali, politiche in ambienti nazionali, europei, internazionali.

È stato Ministro dell'Interno nel Governo Prodi dal maggio 1996 all'ottobre 1998.

È stato rieletto deputato europeo nel 1999 fino al 2004 con funzioni importanti, data la sua profonda, costante fede europeista ed occidentale.

Nel 2005 è stato nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Ciampi.

Il 10 maggio 2006 è stato eletto per la prima volta Presidente della Repubblica con 543 voti.

È stato rieletto, su sollecitazione di quasi tutti i partiti, il 20 aprile 2013 con 738 voti.

Ha sposato nel 1959 Clio Maria Bittoni, avendone due figli, Giulio e Giovanni.

L'Italia molto gli deve per la difesa tenace che ha fatto della dignità repubblicana, dei valori di serietà civile e di unità, con obbedienza alle due frasi incise sull'altare della Patria: "Patriae Unitati" "Civium Libertati".

Ha creduto ed ha dato il massimo appoggio al 150 anniversario dell'Unità d'Italia, con mobilitazioni collettive in ogni parte d'Italia.

Ha incarnato e continuerà ad incarnare, come tanti altri suoi figli nobili, la Napoli alta che amiamo: capace di coniugare insieme l'amore per la propria città, il Mezzogiorno, l'Italia libera e una, l'Europa Unita, miracolo storico, da difendere e da rafforzare.

Egli smentisce con la sua vita e le alte responsabilità nazionali assunte l'industria delle menzogne diffuse ad arte in vari ambienti di un Sud colonizzato, sfruttato, emarginato, comandato.

Grazie, Presidente !

 

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2076
Web Links
6
Visite agli articoli
7987787

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 250 visitatori e nessun utente online