Un ricordo di Annamaria Ciarallo

Condividi

Stamattina, per caso, leggendo alcune notizie nel mondo Internet, ho appreso la sconvolgente notizia della dipartita di Annamaria Ciarallo.

In prima battuta non ho creduto, o meglio non volevo credere, a quanto letto.  Non era possibile! Ma man mano la ragione è incominciata a prendermi fino a quanto ho realizzato che quanto  era scritto, purtroppo, era vero.

Ho conosciuto Annamaria nel 1999, in occasione delle ricorrenze del bicentenario della morte di Domenico Cirillo. E da allora subito è nata una simpatia che ci ha permesso di condividere la nostra passione per la storia della medicina In modo particolare, per l’evoluzione della storia della applicazione  delle piante officinali, dei Botanici Napoletani e di Ferrante Imperato un personaggio che ha influito in maniera determinate sulla nascita della museologia.

Con l’associazione “il faro d’Ippocrate” l’avevo coinvolta in un progetto editoriale molto importante. Alla mia telefonata subito aveva accettato lanciandosi con uno slancio, tipico del suo modo di fare.

Ricordo le nostre discussioni scientifiche che avvenivano durante le telefonate, come pure ricordo come suo desiderio più grande  quello di ricostruire il laboratorio dell’ Imperato e del Della Porta.

Gli insegnamenti di Annamaria saranno sempre vivi e ci accompagneranno nel prosieguo della nostra attività di ricerca.

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2072
Web Links
6
Visite agli articoli
7560351

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 171 visitatori e nessun utente online