Degas a Napoli, rarità in mostra a San Domenico Maggiore

Condividi

Duecento lavori fra dipinti, fotografie, disegni e sculture la mostra "Degas, ritorno a Napoli", allestita nel refettorio di San Domenico Maggiore, racconta il periodo napoletano del grande artista francese che risiedette nella lussuosa dimora del nonno paterno nei pressi di P.zza del Gesù.

Alcune delle opere esposte restituiscono uno sguardo insolito sulla Napoli di metà Ottocento.

«Fra gli impressionisti la fotografia è stata molto importante, in particolare Degas che ha sperimentato punti di vista diversi ed ha utilizzato le fotografie per realizzare disegni e dipinti.  [Vincenzo Sanfo – curatore della mostra]

Impressionista atipico, Edgard Degas ebbe tra i suoi soggetti prediletti le ballerine e le prostitute. Con il catalogo della Maison tellier il pittore parigino indagò con acuto realismo gli interni di una casa di appuntamenti.

«E’ la serie di monotipi utilizzata da Degas indagando la vita delle case chiuse parigine. Ha ripreso i racconti di Guy de Maupassant ed ha realizzato monotipi molto rari, difficilmente esposti, che raccontano la vita di queste poverette che vivevano in queste case chiuse, luoghi abituali di uomini della Parigi di fine Ottocento.» [Vincenzo Sanfo – curatore della mostra]

La mostra resterà a Napoli fino al 10 aprire 2023.

 

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

Statistiche

Utenti registrati
139
Articoli
3226
Web Links
6
Visite agli articoli
15959255

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 213 visitatori e nessun utente online