Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

1799. Un autografo di Pasquale Matera

Condividi

Medico militante negli ambienti rivoluzionari della capitale borbonica, Pasquale Matera (Sortino 1768 - Napoli 1799) fu accusato di aver consegnato all’ammiraglio Lotouche -Treville nel 1793 i piani delle fortificazioni del porto e della città.

Imputato nel maxi processo contro i sospettati di congiura giacobina, dovette emigrare a Roma, da qui a Genova e infine a Nizza.

Entrato nell'esercito francese, partecipò valorosamente alla campagna d'Italia, dapprima col gen. Laharpe, poi col gen. Joubert, cui salvò la vita nel Tirolo; quindi, alle dipendenze del gen. Berthier, prese parte alla campagna romana del gennaio-febbraio 1898, e a Roma fu nominato comandante della 1a legione romana. In seguito a divergenze di vedute con le autorità politiche romane venne destituito. Tornato con l'armata francese a Napoli, fu uno dei capi militari della repubblica napoletana del 1799 e tra i protagonisti della resistenza all'avanzata dell'esercito della Santa Fede del Cardinale Ruffo.

Condannato come reo di stato e non ammesso alla capitolazione di Sant’Elmo, all’epoca della restaurazione borbonica, fu impiccato a piazza Mercato il 10 ottobre 1799.

 

Di seguito pubblichiamo un rarissimo autografo proveniente dalla Francia del periodo in cui Pasquale Matera fu comandante della prima legione della Repubblica Romana.

 

 

 

Statistiche

Utenti registrati
130
Articoli
2621
Web Links
6
Visite agli articoli
11406116

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 168 visitatori e nessun utente online