1799. Un autografo di Pasquale Matera

Categoria principale: Storia
Categoria: Biografie protagonisti del 1799
Creato Giovedì, 05 Agosto 2021 13:13
Ultima modifica il Lunedì, 16 Agosto 2021 10:19
Pubblicato Giovedì, 05 Agosto 2021 13:13
Scritto da Francesco Lembo
Visite: 334

Medico militante negli ambienti rivoluzionari della capitale borbonica, Pasquale Matera (Sortino 1768 - Napoli 1799) fu accusato di aver consegnato all’ammiraglio Lotouche -Treville nel 1793 i piani delle fortificazioni del porto e della città.

Imputato nel maxi processo contro i sospettati di congiura giacobina, dovette emigrare a Roma, da qui a Genova e infine a Nizza.

Entrato nell'esercito francese, partecipò valorosamente alla campagna d'Italia, dapprima col gen. Laharpe, poi col gen. Joubert, cui salvò la vita nel Tirolo; quindi, alle dipendenze del gen. Berthier, prese parte alla campagna romana del gennaio-febbraio 1898, e a Roma fu nominato comandante della 1a legione romana. In seguito a divergenze di vedute con le autorità politiche romane venne destituito. Tornato con l'armata francese a Napoli, fu uno dei capi militari della repubblica napoletana del 1799 e tra i protagonisti della resistenza all'avanzata dell'esercito della Santa Fede del Cardinale Ruffo.

Condannato come reo di stato e non ammesso alla capitolazione di Sant’Elmo, all’epoca della restaurazione borbonica, fu impiccato a piazza Mercato il 10 ottobre 1799.

 

Di seguito pubblichiamo un rarissimo autografo proveniente dalla Francia del periodo in cui Pasquale Matera fu comandante della prima legione della Repubblica Romana.