La predica di un frate per le camice rosse

Categoria principale: Storia
Categoria: Storia del Risorgimento
Creato Domenica, 11 Dicembre 2011 12:13
Ultima modifica il Lunedì, 26 Agosto 2013 12:17
Pubblicato Domenica, 11 Dicembre 2011 12:13
Scritto da Nicola Terracciano
Visite: 2457

Predica di un frate a Santa Lucia—“Or bene: nel fondo dell'anfiteatro di Pozzuoli, san Gennaro, alla vigilia del martirio, chiamato a sè l’unico figliuolo, gli disse: «Va, fuggi, affidati a una barca e remiga verso la Liguria; là sarai salvo, là dai figli dei tuoi figli nascerà un figlio maschio, con capelli come i raggi del sole, con faccia di leone, che non berrà vino, nè bibite forti, che si nutrirà di frutti della terra e avrà nome Zibeppe, e gli uomini lo conosceranno dalla camicia rossa intinta nel mio sangue, di cui dimani empierai un'ampolla che porterai teco in esilio.

Codesto mio nipote diletto tornerà alla terra de' suoi padri vendicatore e redentore; i tiranni che avranno contristato il mio popolo napolitano dilegueranno davanti a lui, e a questo popolo egli apporterà libertà e maccheroni.”

Dal libro di Alberto Mario, La camicia rossa, del 1862.  Alberto Mario (1825-1885) è stato un patriota, politico e giornalista italiano, uno dei Mille di Garibaldi con la moglie inglese Jessie White, di orientamento repubblicano mazziniano e cattaniano insieme.