Leopardi e il diperato amore per la sua “Aspasia”

Categoria principale: Storia
Categoria: Storia Miscellanea
Creato Sabato, 27 Febbraio 2021 17:08
Ultima modifica il Sabato, 27 Febbraio 2021 17:08
Pubblicato Sabato, 27 Febbraio 2021 17:08
Scritto da Angelo Martino
Visite: 437

Giacomo Leopardi era deceduto da sette mesi, quando Antonio Ranieri, il suo intimo amico, il 13 gennaio 1838 scrisse esplicitamente alla bella fiorentina Fanny Targioni Tozzetti da Napoli:

«Aspasia siete voi, e voi lo sapete o dovreste saperlo».

La risposta della nobildonna non si fece attendere:

«Voi più di ogni altro sapete se io mai diedi la minima lusinga a quel povero uomo del Leo, e se il mio carattere è tale da prendersi gioco di un infelice, e di un bravo uomo come lui».

Il Canto Aspasia, che conclude l’omonimo Ciclo, in effetti era dedicato proprio a Fanny Targioni Tozzetti, animatrice di un salotto letterario in via Ghibellina a Firenze.

Fra l’estate del 1830 e il gennaio del 1833, era nato l’impossibile e testardo tormento amoroso del poeta, ma l’Aspasia da lui celebrata, era l’infamante nome dell’etèra concubina di Pericle. La Targioni Tozzetti, madre di due bambine e moglie di un illustre medico dell’Archispedale, fu ben nota nella società fiorentina di quegli anni per la bellezza e per l’ entourage che attirarono su di lei molti pettegolezzi. Alessandro Poerio che l’aveva presentata  a Leopardi poco dopo che il poeta era giunto a Firenze, il 10 maggio 1830, così commentava con Ranieri le esagerate dicerie dei suoi diversi amanti attribuiti alla nobile salottiera:

 

Fanny Targioni Tozzetti«Leopardi e Niccolini dicono essere ella non solo bellissima e cortese di modi, ma eccellente oltre al solito delle donne nella pittura, nelle lingue moderne ed in altri pregi. La Targioni […] è ormai fatta tutta letteratura e signoria. Dicesi che Carlo Torrigiani sia attualmente il suo favorito. Altri nominarono Luigi Mannelli.

C’è pure chi pretende che Gherardo Lenzoni e il marchese Lucchesini di tempo in tempo facciano incursioni sull’antico dominio. Io non posso indurmi a credere di sì prudente donna così licenziose novelle e credo che de’ quattro amanti almeno due siano favolosi»

Nel ventesimo secolo alcuni studiosi, tra cui Marcus de Rubris, hanno ritenuto che non fosse la Targioni l'ispiratrice del celebre il carteggio, in quanto il rapporto tra Leopardi e la donna proseguì in modo amichevole dopo il soggiorno fiorentino del poeta. Nella poesia Aspasia alcuni elementi rimanderebbero a una dimora diversa rispetto a quella della nobildonna, e probabilmente sotto lo pseudonimo di Aspasia si celerebbe la contessa Carlotta Lenzoni.

 

Bibliografia:

F. Florista, Cara Fanny, il dimenticar voi non è facile, Le Muse, Caserta, 2006.

P. Citati, Leopardi, Mondadori, 2010.