Francesco Ruotolo, un raro esempio di impegno civico

Categoria principale: Libere riflessioni
Pubblicato Lunedì, 16 Novembre 2020 13:12
Scritto da Antonella Orefice
Visite: 1394

E anche Francesco Ruotolo ci ha lasciati. Vittima del Covid, è deceduto in solitudine il 15 novembre all’ospedale Cardarelli. «Qui sembra un girone dell'Inferno dantesco. Si sentono urla e lamenti» aveva scritto nel suo ultimo messaggio ad un amico. Poi il silenzio e l’immensa tristezza di chi resta a cercare consolazione nei ricordi

Con lui se ne va un cittadino onesto di Napoli, una persona vera che ha rappresentato la memoria storica, la lotta antifascista e la difesa degli umili.

Personalmente ho perso un caro amico con cui ho condiviso gli ideali politici e la passione per il 1799.

Ebbi l’onore di conoscerlo anni fa. Mi cercò proponendosi di aiutarmi a recuperare la memoria dei martiri della Repubblica Napoletana.

Da allora ci incontrammo tantissime volte e non mancò mai ai nostri appuntamenti annuali del 20 agosto. Era sempre il primo a farsi trovare alla colonnina in piazza Mercato con la nostra bandiera, le sue parole pregne di affetto sincero. E così ad altri convegni che riuscivamo ad organizzare in ricordo del 1799. Sempre con immutata passione.

 

Indimenticabile per i suoi discorsi, l’impegno costante, e il suo desiderio di fare senza mai negarsi.

Francesco non si è mai risparmiato nelle sue lotte perché credeva in ciò che faceva. E’ stato un esempio encomiabile di impegno civico, come rari.

A noi non resta che proseguire nel suo solco e sperare che quell’inferno che ha vissuto prima di morire, possa essere stato il preludio di un meritato paradiso.

Ciao Francesco, sarai per sempre nei nostri cuori!