(O)maggio ai monumenti 2012, la cultura diffusa

Condividi

Bilancio positivo per il Maggio dei Monumenti di quest’anno, costruito su un calendario di eventi diffusi sul territorio napoletano attraverso i luoghi dell’arte e della storia.

Intenso e vario il programma che per trentatré giorni ha animato i monumenti delle città, conseguendo, tuttavia una riduzione del  43%  di spesa rispetto al 2011.

“O maggio ai monumenti”, il titolo di questa edizione, che ha consentito di riscoprire capolavori, come la chiesa di S. Giovanni Maggiore Pignatelli, riaperta a gennaio dopo molti anni di chiusura per restauro, o il magnifico convento basiliano di S. Domenico Maggiore che nel ‘200 accolse Tommaso D’Aquino.

Di gran rilievo anche la riapertura del Museo Civico Filangieri con le sue ricche e preziose collezioni.

 

Tra gli eventi più suggestivi, le letture teatrali nel Cimitero delle Fontanelle e nelle Catacombe di S. Gennaro, ed il ricordo di Pasolini nella Napoli sotterranea.

 

La musica ha attraversato tutto il Maggio con buon numero di concerti di classica e di folk, poi con la taranta di Eugenio Bennato al conservatorio di Napoli S. Pietro a Maiella, e le canzoni di Roberto Vecchioni al Teatro S. Carlo.

 


 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2054
Web Links
6
Visite agli articoli
7333883

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 270 visitatori e nessun utente online