Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Storie - Alfred, il partigiano che inventò il gelato Algida

Condividi

Un’altra storia dimenticata, quella di Alfred Wiesner, il partigiano che inventò il sistema di produzione industriale del gelato Algida, recuperata da Gianfranco Moscati, instancabile cercatore di memorie degli ebrei italiani, e ricostruita attraverso circa dieci documenti originali della sua collezione, che dal 2007 è stata depositata presso l’Imperial War Museum di Londra.

Alfred, cittadino jugoslavo (nato a Zagabria il 25 dicembre del 1908), di professione ingegnere, nel 1942 si rifugiò in Italia con la moglie Edith Artman, in fuga dall’Austria occupata dai nazisti, e dopo molte peripezie venne rinchiuso nel campo di internamento di Ferramonti di Tarsia, in provincia di Cosenza, in Calabria. Di qui scrisse un telegramma alla moglie: «Qui bellissimo sicuro venirai qua saremo riuniti». Edith rispose da una cella del “Coroneo” a Trieste: «ancora carcere spero presto riuniti».

I due coniugi si ricongiunsero e nell’ottobre del 1943, dopo la liberazione del sud della penisola da parte degli Alleati, si recarono ad Ancona. Arrestati dai nazisti e rinchiusi nel carcere di Fossombrone, riuscirono ad evadere.
Alfred Wiesner, con lo pseudonimo di Alfredo Vieni, prese parte alla guerra partigiana, ricoprendo l’incarico di capo del servizio informazioni militari del Comando della Divisione Volontari della Libertà delle Marche.

Per la sua coraggiosa attività nella Resistenza gli fu riconosciuto anche il «Certificato al patriota» firmato dal generale Harold Alexander, comandante in capo delle forze alleate in Italia.

Nel dopoguerra Wiesner decise di stabilirsi in Italia. Uomo di straordinaria genialità, nel 1947 fu tra i fondatori della società a responsabilità limitata «Algida - industria alimenti gelati», con sede in Roma, in via del Pigneto 12 (poi la sede si trasferì a Napoli), con un capitale iniziale versato di 40 milione di lire e un oggetto sociale costituito dalla «vendita all’ingrosso di frutta congelata e fabbricazione e vendita all’ingrosso di gelati», come risulta da un certificato della Camera di Commercio di Roma ritrovato da Moscati. Il primo prodotto venuto alla luce fu un gelato alla panna ricoperto di cacao magro sorretto da un bastoncino di legno: si chiamava Cremino.

Alfred venne nominato consigliere di amministrazione della società e nel giro di pochi anni, grazie all’innovativo sistema di produzione industriale dei gelati da lui introdotto per la prima volta in Italia, l’Algida divenne leader in questo settore. Un primato firmato dal partigiano ebreo che i fascisti avevano rinchiuso nel campo di Ferramonti di Tarsia.
Dettaglio interessante: alcuni anni fa Moscati ha consegnato una copia dei documenti su Wiesner all’ingegner Fappiano, allora direttore della Grande Fabbrica dell’Algida di Caivano in provincia di Napoli (Gruppo Unilever), che da quel momento sponsorizza tutte le pubblicazioni e le mostre che il collezionista napoletano organizza in Italia. Wiesner non è stato dimenticato dalla sua azienda.

[L’Unione Informa, 27 marzo 2012]

 

Statistiche

Utenti registrati
126
Articoli
2496
Web Links
6
Visite agli articoli
10573191

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 180 visitatori e nessun utente online