San Giovanni Maggiore, il capolavoro ritrovato

Condividi

Con un concerto di Moni Ovadia è stata inaugurata la riapertura al pubblico della chiesa di San Giovanni Maggiore, la magnifica basilica il cui impianto risale al IV sec., da anni chiusa per lavori di ristrutturazione e restauro, curato dalle soprintendenza napoletane e dall'ordine degli ingegneri.

All'evento hanno preso parte fra gli altri il sindaco de Magistris, l'assessore alla cultura Di Nocera ed il soprintendente per i beni architettonici Gizzi.

Moni Ovadia e la Stage Orchestra hanno eseguito il recital per la memoria, il primo evento della ressegna "Il rito rtrovato", un percorso musicale multiculturale, ispirato al tema dell'accoglienza, con una riflessione fra genti e culture diverse, ed in particolare sul popolo rom e sinti, che con gli ebrei condividono storicamente la condizione dell'esilio.

La straordinaria chiesa paleocristiana situata a pochi passi dalla sede dell'Università Orientale di Palazzo Giusso sarà prossimo scenario di nuove iniziative culturali.

 

 

 

 

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2072
Web Links
6
Visite agli articoli
7585086

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 532 visitatori e nessun utente online