Il Comune che innova: testamenti biologici e democrazia partecipativa

Condividi

"Noi siamo una prima linea delle novità del quadro politico generale. Siamo orgogliosi che da Napoli partono due proposte significative, due delibere di proposte al Consiglo Comunale: una per l'istituzione del Registro del Testamento Biologico, e quindi questa è una novità importante che parte da una città importante come Napoli, la seconda è l'istituzione del Laboratorio Napoli per la Costituente dei Beni Comuni". (Luigi de Magistris)

Sono state presentate oggi a palazzo S. Giacomo dal Sindaco e dagli Assessori alle Pari oppurtunità, ai Beni Comuni ed all'Anagrafe le due iniziative dell'amminsitrazione comunale in tema di testamenti biologici e di democrazia partecipativa.

La prima servirà per conservare le dichiarazioni volontarie dei cittadini di essere o meno sottoposti a determinati trattamenti sanitari, nel momento in cui, per una patologia grave ed irreversibile, non siano più in grado di manifestare il proprio consenso o il proprio rifiuto della terapia, del trattamento o della cura che li mantengono in vita.

La seconda iniziativa è quella di dare regole, strumenti e diritti alla democrazia partecipativa: consulte, forum, assemblee del popolo, proposte, sono soltanto alcune delle previsioni del nuovo regolamento del Laboratorio Napoli per una Costituente dei Beni Comuni.

 

"E' un passo rivoluzionario perchè è il primo modello che ha come obiettivo quello di ridisegnare il rapporto tra cittadini, politica ed amministrazione, che vuole finalmente fare uscire la partecipazione da mero luogo di sfogatoio e di rivendicazioni spesso lobbistiche e corporative o anche di confusionismo sociale, a luogo nel quale si possa esprimere concretamente il diritto alla partecipazione. Credo anche che questo laboratorio possa determinare sia un miglioramento delle istanze partecipative da un punto di vista qualitativo, e quindi partecipare, ma partecipare informati che significa accedere ad un processo di formazione permanente, individuale e collettivo del singolo, ma credo anche che questo possa determinare un miglioramento della qualità delle politiche pubbliche". (Alberto Lucarelli)



 

 

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
114
Articoli
1955
Web Links
6
Visite agli articoli
6464220

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 160 visitatori e nessun utente online