Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

La battaglia di Civita Castellana in un documento inedito

Condividi

ChampionnetLa battaglia di Civita Castellana venne combattuta il 5 dicembre 1798 durante l’invasione della prima Repubblica Romana, nata dalla Campagna d’Italia napoleonica. Lo scontro avvenne tra le truppe francesi dell'Armata di Roma del generale Jean Étienne Championnet e l'esercito del Regno di Napoli guidato dal generale austriaco Karl Mack.

Dopo un'avanzata iniziale fino a Roma, l'esercito napoletano composto da truppe inesperte e mal preparate guidate dal generale austriaco Mack, si disperse tra le terre umbre e venne pertanto sconfitto e respinto in tutti i settori dalle truppe francesi numericamente inferiori, ma molto più combattive e organizzate da ufficiali capaci.

Dopo questa sconfitta l'esercito napoletano si disgregò completamente e l'armata francese del generale Championnet poté avanzare fino a Napoli e appoggiare la proclamazione della Repubblica Partenopea ad opera dei repubblicani locali.

In questa sede pubblichiamo una importantissima lettera autografa del generale in capo dell'armata di Roma  Jean Etienne Championnet indirizzata al generale di Divisione Macdonald,  la sera del 5 dicembre 1798, ovvero il giorno stesso della famosa battaglia di Civita Castellana.

 

Fu uno scontro  decisivo perché i Francesi, dopo due giorni di combattimento, respinsero e misero in rotta l'esercito napoletano che si fraziono' in vari contingenti, perdendo il vantaggio della superiorità numerica.

La “manovra a tenaglia” progettata dal generale Mack si ritorse contro il suo stesso esercito, grazie alla brillante organizzazione strategica del giovane generale francese Championnet e all'audacia del generale Macdonald,  che quel giorno  “manovro' come un angelo”.

Ecco il testo della lettera tradotta dal francese.

 

Quartier Generale di Terni

15 frimaio settimo anno della Repubblica Francese

(5 dicembre 1798)

Championnet generale in capo al generale di Divisione e Macdonald.

 

«Tu hai manovrato, mio caro generale, come un angelo e le tue disposizioni sono quelle di un grande capitano e la Francia intera giudicherà come me che tu hai reso nella giornata del quattordici   il più grande servizio alla Repubblica francese.

Al momento in cui tu battevi il nemico su Monteroni, tu che l'hai inseguito a Fabriano, che gli hai opposto a Rignano un’onorevole resistenza e che, con questo atteggiamento, hai frenato le colonne di destra e di sinistra che volevano  aggirarci, il nemico torno' a Rieti e su di esso il generale Lemoine marciò con un debole distaccamento ma  non riuscì a prenderlo, il nemico gli si oppose con seimila fanti, dieci pezzi di artiglieria e sei o settecento cavalli.

Sembra chiaro che il nemico, la cui intenzione era  di tagliarmi fuori dal generale Rusca, non prenderà più la stessa strada che l'ultima volta per sua intenzione io suppongo si  porterà su Spoleto passando sul ponte Urbino.

Alcuni contadini che conoscono le gole sono in testa a questa colonna.

Il generale Lemoine occupa ancora il suo debole campo a Piediluco che è composto da soli due battaglioni della novantasettesima semi brigata, la terza è questa mattina a Narni per sostenerci ma i movimenti del nemico,volgono su Rieti.

Il modo in cui minaccia  Spoleto ha fatto sì  che il generale Lemoine abbia dato l'ordine a questo battaglione stabilito a Narni di partire questa notte per venire ad unirsi a lui: questo movimento ci sguarnirà  sui punti di Narni e di  Otricoli dove  rimarranno solo duecento uomini.

Questa circostanza esige, mio caro generale, che noi raddoppiamo la sorveglianza sulle strade che conducono da Magliano a Otricoli e Rieti.

MacdonaldIo ho chiesto notizie per sapere dov'è  la colonna che Mathieu ha annunciato essere in marcia per portarsi su Orte ma non ho avuto risposta.

Adesso sei quindi in grado di conoscere tutto ciò che viene fuori da Roma e io ti prego di tenermi aggiornato.

Spero domani in serata di essere rinforzato dalla diciassettesima semi brigata di linea, essa marcia a doppia giornata, sarà schiacciata dalla fatica e potrà pure essere che sarò obbligato a farla combattere appena arrivata.

Non ho alcuna novità su ciò che accade alla mia sinistra, i rapporti mi  dicono che un corpo  molto numeroso minaccia  queste parti tuttavia ho dato ordine al generale Rusca di portarsi all'altezza di Pescara e da questa posizione di intimare alla città di arrendersi. Egli deve anche scoprire la strada che conduce da questa fortezza a Napoli, poi stabilirà nello stesso tempo le sue comunicazioni con il generale Lemoine.
Vedi che l'esercito è in linea, che mi è stato impossibile di accontentarti meglio, io ho manovrato sul tuo fianco sinistro e le colonne nemiche che si sono presentate sono state battute.

Ho rinforzato la tua seconda linea, ho dato un'occhiata al tabellone dell'armata e comprenderai che ho fatto tutto ciò che potevo fare.

Un poco di pazienza, tra non molto la mia cavalleria sarà rinforzata, e potremo avere nuovi successi e riunirci a circondare quelli che hai vinto.

Ho fatto il resoconto al direttorio esecutivo, degli avvenimenti del giorno, tutti i valorosi che si sono distinti sono stati nominati.

Confermo con gran piacere la nomina di capo di brigata del cittadino Brue.

Ben vorrai farlo accogliere come tale alla testa delle sue truppe.

Non dimenticare di liberarti di tutto ciò che hai preso al nemico tanto in uomini che in artiglieria. Salute e fratellanza.

Championnet

Post Scriptum in allegato cittadino generale la nomina del capo di squadrone Brue al grado di capo di brigata al diciannovesimo reggimento dei cacciatori a cavallo.»

 

 

 

 

 

 

Statistiche

Utenti registrati
128
Articoli
2408
Web Links
6
Visite agli articoli
10171871

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 144 visitatori e nessun utente online