Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

P.le Tecchio, perchè non cambiare il toponimo

Condividi

La Società Napoletana di Storia Patria ha affrontato in diverse occasioni  nella  Commissione per la toponomastica, tramite i suoi rappresentanti per il settore, la dott.ssa Carolina Belli e il  prof. Leonardo di Mauro, il problema del cambiamento del toponimo di Piazzale Vincenzo Tecchio con quello di Giorgio Ascarelli.

Se ne è quindi discusso spesso, senza mai giungere ad un voto, formulando varie ipotesi di frammentazione dello spazio con diverse titolazioni e rinviando la decisione a data successiva.

Ora sulla stampa cittadina si dà notizia dell’opposizione  al cambiamento   da parte della Società stessa e di un gruppo di cittadini, in una fase in cui il discorso politico e storico si focalizza sulla distruzione frequente di simboli, su un uso discutibile della memoria, monopolizzata da gruppi che si muovono  spesso su base emotiva.

Le regole della toponomastica sono disciplinate dalle leggi e da un regolamento e  su di esse  la Società è tornata nel febbraio di quest’anno con un convegno e con un documento che ribadisce alcuni principi fondamentali:  sottrarsi a logiche di parte,  mettere in prima linea gli interessi della comunità, tenere presente la stratificazione della memoria garantita dal trascorrere del tempo, sconsigliando il cambio dei toponimi,  in quanto dopo un lasso di tempo ogni scelta si va radicando e si articola  la motivazione storica.

 

E’ significativa soprattutto in questo caso l’opposizione al cambiamento di coloro che  in  piazzale Tecchio hanno la propria residenza, le proprie attività, il proprio quotidiano, in quanto spesso in casi simili sono stati denunziati  disagi di tipo amministrativo e fiscale.

La Società  quindi non si è espressa contro l’intitolazione di uno spazio pubblico a Giorgio Ascarelli, autorevole e prestigioso membro della comunità ebraica napoletana, personaggio meritevole del ricordo dei napoletani, per il quale si possono individuare altri spazi, ma contro la pratica, frequente negli ultimi anni, del cambio dei toponimi. 

In ogni caso, come è spesso accaduto, la Commissione, formata da dieci membri,  poteva,  dato il suo carattere solo consultivo,  approvare a maggioranza tale  proposta di cambiamento,  rimandando la decisione finale al Prefetto.

Perché non si è agito in tal senso e si è presentata la notizia in maniera manichea, dando un significato politico e strumentale ad una linea istituzionale che riflette un  modo di intendere la toponomastica come scienza e non come strumento di ricerca del consenso?

 

 

 

Statistiche

Utenti registrati
128
Articoli
2386
Web Links
6
Visite agli articoli
10043317

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 116 visitatori e nessun utente online