Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Quando Napoli disse no all’omofobia

Condividi

Arrivò da Napoli l’ultima grande denuncia nazionale di omofobia. Si, proprio da Napoli: un motivo in più per esserne orgogliosi.

Questa sedia, per chi la ricorda, è di Marco Maria Taglialatela,  architetto, artista, docente, educatore, napoletano. Un insegnante che quando vede o sente episodi di razzismo nelle sue classi interrompe le lezioni del programma ministeriale e ne inizia altre.

Si ferma, ne chiede il perché ai suoi alunni.

Approfondisce, fa ragionare ragazzi e ragazzi e l'ha sempre fatto dentro e fuori le mura scolastiche. Però ad alcuni collegi la cosa non piaceva. Venne accusato di usare i suoi alunni per fare attivismo LGBT.

Perché per qualcuno contrastare la discriminazione, il razzismo e l’omofobia è sbagliato.

Ma lui andò avanti e pagò sulla sua pelle. Un bel giorno trovò questa sedia, ‘’la sedia dei gay’’ e l’ha osservata per un anno intero. E poi se la ritrovò in sede di esami. Ai suoi colleghi che provarono a toglierla rispose No.

“Questa è la mia sedia, io faccio gli esami seduto proprio qui, possiamo iniziare!”.

Con quel gesto cancellò mesi di schermaglie, offese e sorrisini dei colleghi che sghignazzavano quando lo vedevano passeggiare nei corridoi.

Dimostrò che la lotta all’omofobia e al rispetto della parità di diritti è una cosa seria, una battaglia da portare avanti con azioni concrete. Senza vergogna, senza ripensamenti.

 

Marco, napoletano, docente, architetto, educatore ed artista diede una lezione di vita e di uguaglianza senza pari. E un motivo in più per essere orgogliosamente napoletani.

Oggi quel napoletano finito forse nel dimenticatoio continua le sue battaglie di civiltà, educazione ed uguaglianza.

Quell’uguaglianza che spesso alla città di Napoli è negata.

Lo fa al fianco dei suoi ragazzi, dalla parte della parità di diritti e della civiltà. E ci rende ancor più orgogliosi di essere napoletani. E se ti stai ponendo una domanda, quella domanda, allora non hai capito nulla di questa riflessione e delle battaglie di Marco.

Si, Marco è gay.

Ed è mille volte più uomo di Te.

 

 

Statistiche

Utenti registrati
126
Articoli
2317
Web Links
6
Visite agli articoli
9714342

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 238 visitatori e nessun utente online