Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

De Magistris: una dedica a chi offende Napoli e i Napoletani

Condividi

In questi giorni, in queste settimane di pandemia purtroppo non sono state poche le persone, le trasmissioni e gli articoli che hanno puntato un’altra volta il dito contro Napoli e i Napoletani, contro il Mezzogiorno, con  offese, discriminazioni, pregiudizi e qualunquismo.

Di fronte a questo ossigeno putrefatto che esce dai polmoni di pseudo intellettuali, mi viene un’immagine: ricordo quando adolescente, più o meno potevo avere tredici o quattordici anni, mi recai in un negozio di musica (quindi parliamo di Cultura, perché di fronte ad un attacco pseudo culturale provo a rispondere con la Cultura) e comprai un trentatré giri di cui avevo ascoltato qualche canzone e mi piaceva molto, di un grande poeta napoletano, senza confini morto qualche anno fa, Pino Daniele.

Comprai questo trentatré giri che ricorderete, si chiamava “Pino Daniele” e c’erano quattro immagini di Pino che si faceva la barba davanti allo specchio.

A tutte queste persone che proprio non ce la fanno a non avercela contro Napoli e contro il Sud, dedico, con l’affetto tipico dei nostri Napoletani, una canzone, Je so’ pazzo, ma in particolare voglio loro dedicare la fine di quella canzone (ndr. «Je so’ pazz, nun ce scassate o cazzo!») che per me è poesia, è terra, è terra nostra, è terra mia, con l’orgoglio di sentirmi Italiano.

Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli

 

 

 

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

Statistiche

Utenti registrati
126
Articoli
2321
Web Links
6
Visite agli articoli
9727277

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 155 visitatori e nessun utente online