La memoria del teatro è online

Condividi

 

Teatro, e memoria, sono già due bellissime parole: messe insième, formano centomila pagine di teatro napoletano, a disposizione del mondo, naturalmente quello virtuale, attraverso la creazione di un archivio digitale che invitiamo a consultare sul sito in sovraimpressione.
il progetto è stato presentato ièri, 1 dicembre, nella sala Rari della biblioteca nazionale, attraverso i primi due quaderni di Archivi di Teatro Napoli: “teatro e memoria, madamina, il catalogo è in rete – a cura di ernesto cilento” e “la lucchesi palli, storia di una biblioteca napoletana”, di rosaria borrelli.
Si comincia con la prima edizione del Candelaio di giordano bruno - 1582 - e si percorrono strade che passano per Viviani e De Filippo, anche attraverso epistolari, locandine, dipinti, bozzetti, contratti, rassegne stampa: 10 anni di lavoro per un risultato che è bello considerare ancora come l'inizio, di un progetto che dovrà arricchirsi con altre acquisizioni, come la realtà contemporanea degli oltre 30 anni di Teatri Uniti, da falso movimento di martone a teatro dei mutaménti di neiwiller.

E trovandoci proprio nella sala rari, circondati da una delle collezioni di incunaboli piu preziosa d'Europa, viène da pensare che nonostante un'anima di carta, dalla seconda meta del 400 loro hanno già superato il 2000: ora, col passaggio di consegne, vedremo come si comporterà la tecnologia.

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
114
Articoli
1958
Web Links
6
Visite agli articoli
6465712

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 281 visitatori e nessun utente online