Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

L'Italia c'è

Condividi

L’Italia c’è, gli italiani pure. Alcuni si sono affollati sui treni, ma la stragrande maggioranza non lo ha fatto: è restata a casa e ha rispettato le regole. Forse qualche ente locale è in confusione, ma i comuni, i sindaci e i presidenti si sono mobilitati: mettono in sicurezza le loro comunità.

Non manca qualche sciacallo telematico, ma la solidarietà è generale, dalla Ferragni ad Armani, fino a coloro che aiutano anziani su facebook: anche whatsapp è diventato strumento di aiuto, conforto, intervento.

Non sono mancati gli errori, ma gli attori politici collaborano. Il mondo della sanità e le forze di sicurezza non hanno mostrato mai un cedimento. Il blocco della formazione è stato bloccato, ma le scuole e le università hanno risposto: tutti gli istituti, senza eccezione stanno organizzano servizi alternativi per studenti e docenti.

Certo, si farà un bilancio e si ricostruirà l’accaduto nel nostro paese. Né sappiamo se capiremo davvero cosa è successo in Cina.

Non si sa quando e come finirà questa incredibile epidemia.

Solo possiamo utilizzare questa terribile occasione per capire e valorizzare un paese forte, solidale, professionale, con meno rabbia e più dialogo.

Forse l’Italia sarà capace di liberarsi dei risentimenti verso il merito, dell’anti-politica ad ogni costo, dell’invidia verso la scienza, dell’insofferenza verso le istituzioni. E' forse utile non usare la rete solo per puntare il dito contro qualcuno,  a turno...

L’Italia, una grande democrazia, industriale e liberale, può ritrovare fiducia in sé stessa, nelle sue migliori tradizioni politiche e sociali, nelle persone che hanno saputo interpretarle, nell’orgoglio di appartenere al mondo libero e al suo futuro.

 

 

Statistiche

Utenti registrati
128
Articoli
2368
Web Links
6
Visite agli articoli
9904102

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 161 visitatori e nessun utente online