Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Giorgio Imbriani, un patriota dimenticato

Condividi

Giorgio Imbriani  (Napoli, 28 aprile 1848 - Digione, Francia, 21 gennaio 1871) fu penultimo dei sei figli e figlie di Paolo Emilio e di Carlotta Poerio.

Martire degli ideali patriottici e repubblicani in Europa e nel mondo, morì sul campo di battaglia con la camicia rossa garibaldina a difesa della Repubblica francese contro i Prussiani, che occupavano arroganti, monarchici e clericali il suolo della Francia.

Questo il grande, imperituro messaggio che lasciò pochi giorni prima di morire:

«Sono qui per fare guerra alla guerra, per fondare la Repubblica Universale, cioè il regno della Liberta’, dell’Eguaglianza, del Diritto e della Pace.»

Aveva 22 anni.

Giosuè Carducci, che lo conosceva, ammirava, e gli voleva bene, nel febbraio 1871 scrisse le parole più alte e commoventi, paragonandolo ai Martiri della Repubblica  Napoletana del 1799.

Il fratello Mattero Renato Imbriani-Poerio si recó in Francia per recuperarne il corpo.

 

Egli, Martire della Repubblica e quasi ignorato e non onorato dalla Repubblica Italiana, come avviene per i Martiri del 1799, riposa nel Sepolcreto di Pomigliano d’Arco, dove le generazioni risorgimentali, a differenza di altre fino ad oggi, stordite e confuse ad arte, senza memoria e senza futuro, appiattite nel presente e nella cronaca, si recavano in pellegrinaggio civile il 21 gennaio di ogni anno.

 

 

 

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2223
Web Links
6
Visite agli articoli
9097654

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 302 visitatori e nessun utente online