Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Il Largo alle Belle Arti dedicato a Nanni Loy

Condividi

Dopo Roma, per Nanni Loy era  Napoli la città del cuore, un luogo ed un popolo che il grande regista ha spesso raccontato, dalle “Quattro giornate di Napoli” a “Mi manda Picone” e da cui ha tratto numerose ispirazioni.

Ed a lui la città di Napoli ha voluto intitolare lo spiazzo fuori l’Accademia di Belle Arti, un posto pieno di vita, come sarebbe di sicuro piaciuto a lui stesso, frequentato da artisti e studenti vicini alla sua idea di bellezza.

«La memoria storica è la base per costruire un futuro migliore e Nanni Loy, attraverso il racconto delle Quattro Giornate, ha voluto segnare che da quella storia ci sono stati poi periodi di rinascita e di ricrescita con tutti i problemi e le contraddizioni.» [Guglielmo Loy]

«L’accademia che si è proposta ad essere sfondo del lavoro e del pensiero di Nanni Loy, inizia la sua attenzione anche didattica che porterà avanti.

E’ un impegno, un onore. Questo Largo Nanni Loy sancisce l’inizio di un percorso culturale importante. Incominciamo a lavorare sulla memoria, ma sulla concretezza di questo grande intellettuale che ha nutrito anche la città di Napoli e si è nutrito degli umori e della storia di questa città.» [Giulio Baffi, Presidente dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli]

«Nanni Loy ha amato Napoli, è entrato nell’umanità di questa città, l’ha raccontata e quindi questo è un tributo importante ad un grande regista che ha avuto ed ha un legame molto forte con la nostra città. E da oggi lo avrà ancora di più perché chi passa da questi luoghi così frequentati dalla cultura e dall’arte leggerà, appunto “Largo Nanni Loy”.

Quando si incontra l’arte, la cultura, la bellezza diventa più difficile essere un criminale, un mafioso, un nazifascista. Bisogna fare un grande lavoro perché anche di questi tempi si è avvertito un po’ lo scricchiolio di certi valori che sembravano essere stati conquistati per sempre.   La libertà non è un sogno ma una conquista e le conquiste non ci sono per sempre. Vanno alimentate, consolidate, si rafforzano con la lotta. Questa è una città che lotta e lo ha dimostrato anche in quest’epoca contemporanea. Lotta per i diritti, per la giustizia, per l’uguaglianza e la fratellanza dei popoli.» [Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli]

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca ad Altamura

 

Leggi tutto...

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2169
Web Links
6
Visite agli articoli
8674848

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 239 visitatori e nessun utente online