Dopoguerra. Gli italiani fra speranze e disillusioni (1945-1947)

Categoria principale: Libere riflessioni
Categoria: Libere riflessioni
Pubblicato Domenica, 28 Luglio 2019 15:38
Scritto da Redazione Nuovo Monitore Napoletano
Visite: 1433

E’ il titolo del nuovo libro di Mario Avagliano e Marco Palmieri edito da Il Mulino.

I tre anni che vanno dalla fine della guerra all’entrata in vigore della Costituzione repubblicana per gli italiani sono un periodo pieno di felicità e di violenza, in cui la comunità nazionale ricompone i suoi frantumi, si congeda dalla guerra civile e dal fascismo e costruisce faticosamente il suo futuro.

Sono i giorni delle vendette e della resa dei conti, dei prigionieri e dei deportati che tornano a casa, delle grandi adunate politiche della rinata democrazia, ma anche di una gioiosa febbre di divertimento, di voglia di ballare, di fretta di ricostruire e costruire, con un’energia vitale che già prepara il boom degli anni a venire.

 

Gli autori interrogano diari privati e memorie, lettere, rapporti della polizia, stampa e cinegiornali, film e canzoni, corrispondenze e conversazioni intercettate, per comporre un ricco e appassionante ritratto dal basso di come gli italiani vissero qui primi fervidi anni della repubblica.