Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Anita Garibaldi, in un monumento la grandezza storica

Condividi

Più si conosce il Risorgimento dell’Unità e della Libertà d’Italia (da metà Settecento alla fine della Prima Guerra Mondiale) più si resta sorpresi e commossi dalla sua ricchezza storica, dalla carica di futuro che esso ebbe e mantiene. Uno di questi aspetti è costituito dalla presenza delle donne in un ruolo non subalterno, ma da protagoniste di primo piano.

Tra loro è la compagna-sposa (a Montevideo nel 1842) brasiliana di Giuseppe Garibaldi: Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva, che tutti sinteticamente ricordano come Anita, che gli diede quattro figli tra Brasile e Uruguay: Domenico, Rosa, morta poi a due anni, Teresita, Ricciotti.

Il suo suggestivo monumento romano a cavallo (che racchiude anche le sue ceneri) la rappresenta con un bimbo tra le braccia per ricordare un episodio della sua vita avventurosa dell’agosto 1840.

Il monumento che ne segnala la grandezza storica è sito al Gianicolo, luogo singolare di memoria risorgimentale, che si sviluppa intorno alla statua equestre di Giuseppe Garibaldi, ai tanti busti di protagonisti del moto risorgimentale che gli fanno corona, al Sacrario dei difensori di Roma repubblicana del 1849 con la tomba anche di Goffredo Mameli, al Museo Garibaldino di Porta San Pancrazio.

 

Nel 2012 Anita Garibaldi è stata inserita dalla Presidenza della Repubblica del Brasile nel Libro degli Eroi della Patria e negli anni Duemila è stata onorata nel mondo degli storici di Nizza, città natale di Garibaldi, a segnalare l’internazionalità della sua Figura.

Ella, con tante altre protagoniste femminili non di origine italiana del nostro caro Risorgimento, ne rivela il volto nobile imperituro: realizzare l’Unità e la Liberta d’Italia, con Roma capitale laica della Nazione (sogno che si realizzò il XX Settembre 1870), fu sentito come evento non solo decisivo nella storia millenaria della penisola, ma di importanza fondamentale per i destini di altri popoli, per l’emancipazione dell’Umanità da regimi tirannici e clericali.

 

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca ad Altamura

 

Leggi tutto...

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2169
Web Links
6
Visite agli articoli
8673163

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 241 visitatori e nessun utente online