Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

L'Unità d'Italia si fece anche a tavola

Condividi

L’Unità d’Italia si fece anche a tavola. E se il torinese Camillo Cavour fu il padre politico del Risorgimento, il toscano-romagnolo Pellegrino Artusi, nato a Forlimpopoli (1920) e cittadino di Firenze,  fu l’eroe della gastronomia nazionale.

L’inventore indiscusso della tradizione culinaria italiana, che diede coesione al confuso “mosaico” delle cucine regionali e pose un argine culturale all’imperante francofilia dei nostri cuochi.

Se l’Italia è conosciuta nel mondo anche per la pastasciutta, oltre che per le città d’arte e il patrimonio storico, lo si deve in gran parte al saggio di Artusi La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene.

Pubblicato per la prima volta nel 1891 a spese dell’autore "pei tipi dell'editore Landi", ha contribuito a “fare gli italiani” quanto i libri Cuore, Pinocchio e I promessi sposi. Centomila copie vendute in pochi anni.

Cose impensabili per l’Ottocento. E infatti nel 1931 l’ "Artusi" era già giunto a quota 32 edizioni. Con traduzioni in inglese, tedesco e francese.

Il manuale raccoglie 790 ricette, dai brodi ai liquori, passando attraverso minestre, antipasti (anzi "principii"), secondi e dolci.

Il segreto del successo del paffuto signore romagnolo è l’approccio didattico delle sue istruzioni sulle virtù culinarie, l’igiene alimentare ed il buon gusto. 

 

«Con questo manuale pratico – scriveva - basta si sappia tenere un mestolo in mano.»

E ancora: «La cucina è una bricconcella; spesso e volentieri fa disperare, ma dà anche piacere, perché quelle volte che riuscite o che avete superata una difficoltà, provate compiacimento e cantate vittoria.» 

Ma Artusi era anche un fine letterato, che non si limitava ad esaltare l’arte del cucinare e il piacere del mangiare. Di qui gli aneddoti personali, le dissertazioni ironiche e le citazioni dotte dalla Divina Commedia di Dante, in uno stile arguto e conviviale.



Mario Avagliano

 

 

 

 

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca ad Altamura

 

Leggi tutto...

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2169
Web Links
6
Visite agli articoli
8673127

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 207 visitatori e nessun utente online