Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Pietrangelo Gregorio, geniale pioniere della televisione libera italiana

Condividi

«Ricordo che quando cominciammo noi a Canale 21 a far parlare un poco la gente con “Filo diretto”sembrava uno scandalo e si disse “ma come fate parlare la gente in televisione? Chissà che porcherie possono dire? Oggi invece è prevalsa questa mania di far parlare il popolo e vediamo tanti comunicati sempre con tanta gente che parla, che esprime il proprio pensiero e questa è una cosa molto bella. Io perciò creai le televisione, per la speranza che tutti potessero esprimere liberamente il proprio pensiero, potessero non dipendere dai partiti politici e soprattutto protestare contro le autorità quando non facevano il loro dovere».

Fu la prima televisione libera italiana e nacque a Napoli il 23 dicembre del 1966. Telenapoli trasmetteva via cavo, grazie all’invenzione dell’ingegnere Pietrangelo Gregorio che vanta oltre trecento brevetti. Il 17 settembre, in occasione del suo novantesimo compleanno è stato insignito con una targa e una medaglia della città per la sua attività di pioniere nella libera diffusione delle immagini e delle parole, avendo creato a Napoli la televisione più diffusa in Europa negli anni ’70.

Telenapoli tra i suoi primati ebbe quello di riuscire a trasmettere per la sola città di Napoli il Festival di Sanremo a colori, mentre la RAI era ancora ferma al bianco e nero.

Gregorio in seguito fondò ancora altre TV,  come Canale 21, chiamata così in omaggio all’articolo 21 della Costituzione sulla libertà di espressione.

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca a Napoli

La Salerno Editrice è lieta di invitarvi alla prima presentazione del volume Eleonora Pimentel Fonseca. L'eroina della Repubblica Napoletana del 1799, di Antonella Orefice, pubblicato nella collana "Profili".

L'evento si terrà a Napoli all'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano sito in Via Monte di Dio, 14, il giorno

16 Ottobre 2019 alle ore 17:30

Interverranno con l'autrice il presidente dell'I.I.S.F. Massimiliano Marotta, il prof. Luigi Mascilli Migliorini dell'Università di Napoli "l'Orientale", la prof.ssa Renata De Lorenzo dell' Università "Federico II" e il prof. Davide Grossi, ricercatore dell'Istituto Italiano Studi Storici.

 

 

 

 

 

 

 

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2164
Web Links
6
Visite agli articoli
8629197

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 267 visitatori e nessun utente online