Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Al museo Filangieri ritornano tesori trafugati

Condividi

Sedici armi antiche, venticinque monete preziose, centoquattordici medaglie rare e due volumi del Settecento. Tutto restituito al Museo Filangieri in via Duomo dopo anni di indagine del Comando del Carabinieri Tutela e Patrimonio Culturale e della Procura di Napoli.

Erano state trafugate negli anni ’90 e l’otto agosto del 2018 sono state ufficialmente riconsegnate, dopo le operazioni di sequestro, riconoscimento, identificazione, ricerca storica e scientifica, per tornare nel patrimonio del bellissimo museo voluto da Gaetano Filangieri e riaperto nel 2012 dopo tredici anni di chiusura.

Accanto agli oltre tremila oggetti di arti applicate, dipinti del seicento napoletano e sculture dal sedicesimo a diciannovesimo secolo, oltre la biblioteca di trentamila volumi.

 

«Un’altra bella giornata. Per fortuna i nostri Carabinieri del nucleo che si occupa del recupero delle opere d’arte trafugate da questo immondo commercio che toglie ai beni pubblici e privatizza per pochi, ci stanno dando da questo punto di vista dei bellissimi risultati in questa nostra città. Napoli è così piena di tesori magnifici e straordinari che richiede di essere conosciuta. Questo museo è una unicità di Napoli, secondo me,  va valorizzato, riconosciuto e può essere la leva di questo importante progetto che è “Via Duomo, la via dei Musei”». (Nino Daniele, Assessore alla Cultura del Comune di Napoli).

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

 

 

Statistiche

Utenti registrati
120
Articoli
2118
Web Links
6
Visite agli articoli
8248614

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 255 visitatori e nessun utente online