Al museo Filangieri ritornano tesori trafugati

Condividi

Sedici armi antiche, venticinque monete preziose, centoquattordici medaglie rare e due volumi del Settecento. Tutto restituito al Museo Filangieri in via Duomo dopo anni di indagine del Comando del Carabinieri Tutela e Patrimonio Culturale e della Procura di Napoli.

Erano state trafugate negli anni ’90 e l’otto agosto del 2018 sono state ufficialmente riconsegnate, dopo le operazioni di sequestro, riconoscimento, identificazione, ricerca storica e scientifica, per tornare nel patrimonio del bellissimo museo voluto da Gaetano Filangieri e riaperto nel 2012 dopo tredici anni di chiusura.

Accanto agli oltre tremila oggetti di arti applicate, dipinti del seicento napoletano e sculture dal sedicesimo a diciannovesimo secolo, oltre la biblioteca di trentamila volumi.

 

«Un’altra bella giornata. Per fortuna i nostri Carabinieri del nucleo che si occupa del recupero delle opere d’arte trafugate da questo immondo commercio che toglie ai beni pubblici e privatizza per pochi, ci stanno dando da questo punto di vista dei bellissimi risultati in questa nostra città. Napoli è così piena di tesori magnifici e straordinari che richiede di essere conosciuta. Questo museo è una unicità di Napoli, secondo me,  va valorizzato, riconosciuto e può essere la leva di questo importante progetto che è “Via Duomo, la via dei Musei”». (Nino Daniele, Assessore alla Cultura del Comune di Napoli).

 

Video Multimediale Comune di Napoli

 

 

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2097
Web Links
6
Visite agli articoli
7806589

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 230 visitatori e nessun utente online