Nove figli arcobaleno: Napoli riconosce entrambi i genitori

Condividi

Il Comune di Napoli riconosce le figlie e i figli di nove famiglie omogenitoriali. Con la cerimonia a Palazzo San Giacomo sono stati registrati i nomi di entrambi i genitori negli atti di nascita, riconoscendo ufficialmente ai bambini il diritto di avere entrambi i genitori.

Con il sindaco erano presenti l'assessore Alessandra Sardo, la delegata Simonetta Marino e l'avvocato Francesca Corato dell'Associazione Famiglie Arcobaleno che si sono battute per un atto che segue le pronunce della Corte d'Appello di Napoli e dei tribunali di Pistoia e Bologna.

Fortemente voluto dal sindaco e dall'amministrazione per riconoscere ai genitori i propri diritti e andare oltre il principio di filiazione biologica e genetica, così come era già accaduto con il piccolo Ruben.

Un gesto di civiltà giuridica che è un successo delle istituzioni, arrivato anche grazie all'impegno del Servizio Anagrafe del Comune di Napoli diretto da Luigi Loffredo che con gioia, convinzione, coraggio istituzionale e competenza ha permesso di arrivare a questo risultato.

«Noi siamo perchè le libertà civili valgano per tutti - ha commentato il sindaco De Magistris - perchè non si crei una comunità fondata sull'egoismo, sul respingimento e sui cuori di pietra. Vedere i bambini fermi in un porto italiano, senza che arrivi l'autorizzazione del governo per farli curare, è un atto idegno, antigiuridico e che non è in assoluta sintonoia con quella che è la storia del nostro Paese».

 

 

Video Comune di Napoli

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2072
Web Links
6
Visite agli articoli
7570138

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 214 visitatori e nessun utente online