I volenterosi carnefici di Mussolini

Condividi

Nei due anni tragici di Salò e dell’occupazione tedesca del centro nord dell’Italia, numerosi italiani si prestarono ad essere “volenterosi” carnefici dei loro connazionali ebrei. La retata a Venezia del 5 dicembre 1943, ad esempio, fu condotta da poliziotti, carabinieri e volontari del ricostituito partito fascista. E almeno la metà degli arresti degli ebrei poi deportati ad Auschwitz e in altri Lager fu opera di italiani, senza ordini o diretta partecipazione dei tedeschi.

A ricordarcelo, con un agile e documentato saggio è stato Simon Levis Sullam, professore di Storia Contemporanea presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, in I carnefici italiani. Scene dal genocidio degli ebrei, 1943-1945, il cui titolo rimanda volutamente a quello del saggio di Goldhagen, I volonterosi carnefici di Hitler, che ha riaperto la questione sulla responsabilità dei tedeschi (e non solo dei nazisti) nella Shoah.

Anche dopo l’armistizio, l’Italia non rimase “al di fuori del cono d’ombra dell’Olocausto” e accanto ai giusti e ai salvatori, vi furono purtroppo tanti persecutori. Nel libro, oltre che delle responsabilità degli apparati dello Stato e degli uomini di partito, ci si è occupatati fra l’altro del ruolo dei delatori, che non furono solo fascisti convinti, ma anche semplici civili, quasi sempre per motivi di soldi.

E perfino alcuni ebrei, come il triestino Mauro Grini, che tra Trieste, Venezia, Milano identificò e denunciò un migliaio di ebrei ("anche di più" - si vantava) dietro lauti pagamenti, e la romana Celeste Di Porto.

 

Mario Avagliano

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2065
Web Links
6
Visite agli articoli
7472568

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 185 visitatori e nessun utente online