Silvia Ruotolo, il ricordo e l’eredità quotidiana

Condividi

L’undici giugno 1997, durante un agguato di camorra nel quartiere Vomero Arenella, un proiettile vagante uccideva Silvia Ruotolo mentre rientrava a casa in salita Arenella, dopo aver preso a scuola il figlio Francesco di cinque anni. Ad attenderla al balcone c’era la figlia Alessandra di dieci anni oggi assessore del Comune di Napoli.

Per onorare la memoria e mantenere sempre vivo il ricordo di Silvia, in occasione del ventunesimo anniversario della sua scomparsa, l’undici giugno del 2018 a piazza Medaglie d’oro sono state deposti fiori sulla lapide in sua memoria.

Don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di “Libera” ha dichiarato:

«La risposta deve essere una risposta al fianco del lavoro dei magistrati, delle forze di polizia, una risposta sociale. Se non c’è una risposta al mondo dei giovani che è lì che barcolla, una società che si preoccupa dei giovani ma non se ne occupa un po’ li ha traditi.

 

Se non c’è un’attenzione alle politiche sociali, ai servizi, ai problemi del lavoro, per tutte le persone non usciremo mai fuori da tutto questo perché c’è, certamente tutto quell’impegno, quel lavoro e quel sacrificio da una parte, ma ci devono essere le condizioni di poter cambiare e creare le condizioni di un cambiamento».

 

Video Comune di Napoli

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
116
Articoli
2042
Web Links
6
Visite agli articoli
7203586

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 146 visitatori e nessun utente online