Riemergono dalle acque del Porto reperti archeologici del '99

Condividi

218 anni fa, il 23 dicembre del 1798, i Borbone scapparono dal Regno, fuggendo dal porto e dando ordine all'ammiraglio Nelson di far affondare le navi che non potevano partire con loro.

Di lì a 4 settimane, nascerà la Repubblica Napoletana del 1799.

Dopo una fase di indagine sui fondali del porto di Napoli, è stata portata a termine una importante operazione di recupero di reperti archeologici relativi a quelle navi, nello specchio d'acqua compreso fra il molo San Vincenzo il molo Angioino a quello dell'Immacolatella Vecchia.

Il simbolo dei ritrovamenti è questa campana in corso di restauro, che si somma ad una corvetta, quattro cannoni di lunghezza fino a 3 metri, e munizioni. La corvetta, non ancora oggetto di recupero, potrebbe essere proprio la “Flora” affondata da Nelson, mentre un'altra dovrebbe trovarsi nella zona del Molosiglio.

 

Video Comune di Napoli

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2054
Web Links
6
Visite agli articoli
7333849

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 242 visitatori e nessun utente online