Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

La prima testimonianza su S. Gennaro

Condividi

Martirio di San Gennaro, Girolamo Pesce, 1727I documenti principali del culto di S. Gennaro restano ancora oggi gli insigni affreschi che nello spazio di circa un secolo fissarono nella vivace policromia l’espressione della devozione personale e comunitaria, la ferma e calda fiducia nel suo patrocinio.

Nel corso di diciassette secoli il culto per San Gennaro si è conservato e sviluppato nelle forme proprie che ciascuna generazione ha praticato e trasmesso ai posteri, custodendo il tesoro geloso del suo patrocinio speciale, il pegno dell’amorevole cura del martire-vescovo, che in forza della perfetta sequela Christi fino all’effusione di sangue, divenne partecipe del potere di intercessione e meditazione tra cielo e terra.          

Nel vissuto millenario dell’esperienza religiosa Gennaro è stato non solo modello di vita, ma da amico di Dio è divenuto anche compagno invisibile dei Napoletani, difensore, avvocato, medico e patrono individuale e collettivo.

 

 

 

Statistiche

Utenti registrati
128
Articoli
2382
Web Links
6
Visite agli articoli
10033442

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 155 visitatori e nessun utente online