Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Antonio Iannotta, medaglia d’oro al valor militare

Condividi

Vittorio Ricciardi, scrivendo del capitano Antonio Iannotta, lo definiva un “cittadino ingiustamente dimenticato”, sepolto nel Piazzale degli Eroi del Verano, a cui non si era tributato il giusto e meritato omaggio, auspicando che la sua memoria fosse onorata in relazione a tutto ciò che aveva saputo donare, quale militare della Resistenza, per ottenere, ancora vivente, una medaglia d’oro al valore militare.

E’ stato Giuseppe Capobianco, nel testo Il recupero della memoria a dare il primo giusto rilievo alla figura di Antonio Iannotta (Pignataro Maggiore, 6/6 1907- Roma 22 marzo 1958), e alla sua attività durante la Resistenza, scrivendo: “ Altre due medaglie d’oro sono state concesse ai nostri conterranei che possono essere accomunati, avendo entrambi partecipato alla resistenza romana: si tratta del Maggiore dei Carabinieri Ugo De Carolis, nato a Caivano, ma di famiglia sammaritana e del Capitano Antonio Iannotta, nato a Pignataro Maggiore”.

Capobianco  ha riportato la motivazione della medaglia: “Ufficiale di complemento, combattente valoroso dell’attuale guerra, dopo l’8 settembre 1943 manifestò subito decisa e superba volontà di lotta contro l’oppressore nazifascista.

Impareggiabile nell’organizzazione della lotta clandestina di cui è stato tra i massimi e fattivi esponenti, in strettissimo contatto con tutte le forse della Resistenza, magnifica figura della guerra partigiana dell’Italia centrale, ha dimostrato in innumerevoli episodi di valore, nella dura vicenda dell’occupazione, eccezionale coraggio e dedizione incondizionata alla santità della causa.

Ricercatissimo dal nemico che ne temeva capacità ed ardire, vivendo per mesi tra fucilazioni ed arresti, sprezzante di ogni pericolo, presente in ogni rischio ed in ogni incitamento, ha dato alla Patria, con l’esempio e l’azione, grandissimo apporto di eroiche e memorabili gesta. Leggendaria figura della lotta partigiana”.

Una motivazione completa, a cui Capobianco ha aggiunto un commento personale: “Iannotta è tra i pochi decorati con Medaglia d’Oro concessa in vita. Egli ha fatto parte delle formazioni dei patrioti sorte a Roma per l’iniziativa del Comando Supremo dell’Esercito. Dopo l’arresto e la fucilazione alle Fosse Ardeatine del comandante dell’organizzazione, il Colonnello dei Carabinieri Giuseppe Montezemolo, ed in seguito alle difficoltà di movimento per il Colonnello De Michelis, Iannotta diviene il principale organizzatore dell’attività clandestina di quel nucleo che era rimasto dell’esercito italiano nella Capitale. Egli seppe proteggere e rilanciare le varie formazioni: 110 bande composte da 16.743 militari. Rappresentò, perciò, il fiore all’occhiello dello Stato Maggiore delle Forze Armate che ne avanzò la proposta e la sostenne” .

Antonio Iannotta fu ammesso a frequentare il corso Allievi Ufficiali di complemento dal 1 novembre del 1930. Nel 1936 fu promosso Tenente e l’8 settembre 1936 si trasferì a Roma.

Nel luglio del 1938 partì volontario per la Spagna, ove rimase fino al 31 marzo del 1939, poiché l’intervento italiano a fianco dei Nazionalisti del generale Francisco Franco non fu di carattere ufficiale, ma su basi volontarie in relazione alle decisioni non interventiste della comunità internazionale. Comunque l’Italia inviò ai Nazionalisti mezzi militari e logistici.

Ad Antonio Iannotta fu assegnato il Reggimento di Artiglieria Divisione “Frecce Azzurre”, comandato dal Colonnello La Ferla. Fu successivamente richiamato alla vigilia dello scoppio della seconda guerra mondiale. Dal 2 marzo 1941 al 11 aprile 1942 fu in Albania. Dopo il rimpatrio, fu assegnato al Comando del XVIII Corpo d’Armata, ove conseguì la promozione a Capitano.

Dopo l’armistizio dell’8 settembre fu uno dei primi ad entrare nel Fronte militare clandestino, fondato dal colonnello di Stato Maggiore Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo. Iannotta fece parte del Comando Raggruppamenti Patrioti dell’Italia Centrale, diretto dal colonnello Ezio De Michelis, che comprendeva i reparti del Lazio, dell’Umbria, delle Marche, dell’Abruzzo e della Toscana.

Il colonnello De Michelis fu colpito dai sentimenti antifascisti manifestati dal nostro capitano e lo ritenne  molto utile alla causa perchè “pratico dell’ambiente politico romano, sagace, coraggiosissimo”. Affinché si potesse sfuggire ad eventuali denunce, il colonnello De Michelis dispose che ogni suo ufficiale assumesse uno pseudonimo. Così Iannotta diventò l’avvocato Jannini. Oltre ad avere il compito di procurare i sovvenzionamenti per la Resistenza del Fronte Militare Clandestino, il capitano addestrava i militari all’uso dell’esplosivo per le azioni di sabotaggio e di propaganda. Per tali azioni diventò uno dei maggiori ricercati dai Nazisti insieme al comandante Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo.

Dopo la cattura del colonnello Montezemolo, nemico numero uno di Herbert Kappler il 25 gennaio 1944, fu lo stesso Kappler ad occuparsi del trattamento da riservare al prigioniero affinché rivelasse le identità dei due capibanda Bianchi e Jannini, rispettivamente il colonnello Ezio De Michelis e il capitano Antonio Iannotta.

“Fra le poche notizie che ebbi da mio fratello dalla prigione di Via Tasso- ha ricordato Renato Montezemolo in una relazione del luglio 1944- ricevetti l’indicazione che parte delle torture che gli erano state inflitte avevano per scopo di fargli rivelare indicazioni atte a far arrestare i due capibanda Bianchi e Giannini (colonnello De Michelis e capitano Jannotta), che potei perciò preavvisare. Quindi si mostra prezioso il preavviso del fratello del colonnello Montezemolo al capitano Antonio Iannotta affinché si mostri più cauto negli spostamenti, dato che le SS stanno cercando di far rivelare al colonnello Montezemolo la sua identità”.

Iannotta aveva in quel momento il ruolo importante e delicato di capo di Stato Maggiore del Comando Raggruppamenti Patrioti Italia Centrale con alle dipendenze dirette una particolare formazione “La Pilotta”, che esplicava ruoli rilevanti nella resistenza militare.

Il nucleo iniziale era costituito da trenta militari fra ufficiali, sottufficiali e truppa, ma in breve tempo raggiunse una consistente forza di duecento militari effettivi di cui gli ufficiali avevano assunto uno pseudonimo, giurando di non rivelare mai, in caso di cattura, l’identità degli uomini del Fronte Militare Clandestino.

Pertanto il capitano Antonio Iannotta era un ricercato speciale , la cui identità Kappler voleva fosse svelata dal colonnello Montezemolo, considerati  i ruoli che la formazione di Iannotta svolgeva, tra cui il rifornimento di uomini, di armi, di munizioni a tutte le altre bande, l’assistenza morale agli affiliati, la propaganda e le missioni di soccorso. Pertanto da parte di Kappler individuare il capobanda Giannini si rivelava prioritario per la sconfitta del fronte militare clandestino.

Scrive testualmente lo storico Mario Avagliano: “In realtà, nei 58 giorni di detenzione, Montezemolo subisce a più riprese snervanti interrogatori e terribili torture. Nella camera adibita agli interrogatori , gli aguzzini nazisti lo tormentano a suon di calci e scudisciate. Ma lui non parla. Mantiene il riserbo sugli altri membri del Fronte Militare Clandestino.”

In effetti in quei 58 giorni, prima dell’uccisione barbara alle Fosse Ardeatine, il colonnello Montezemolo subì un vero e proprio calvario e, nonostante ciò, “incitava i propri compagni ad avere fede nei destini della Patria, parlando della morte che lo attendava con familiarità e serenità sconcertanti.” . In quello scorrere dei giorni, tra momenti di serena attesa della morte e di torture tramite mazzuoli, cavalletti con sottili fili di acciaio, flagelli, verghe di ferro, il colonnello Montezemolo non rivelò i nomi dei suoi camerati.

Dopo la prima settimana di febbraio, finalmente la famiglia di Montezemolo riuscì ad avere notizie riguardo alla sua detenzione nel carcere di via Tasso. La famiglia nulla poteva. Kappler era determinato nell’odio e attendeva solo il momento per poterlo fucilare, ma Montezemolo si mostrava  “eroico” nel non rivelare le preziose notizie sull’identità di Bianchi e Giannini.

La situazione precipitò dopo l’attentato di Via Rasella e il colonnello Montezemolo trovò la morte nella rappresaglia delle Fosse Ardeatine. Fu uno dei 335 dell’eccidio delle Fosse Ardeatine e morì gridando: Viva l’Italia!  

Il capitano Antonio Iannotta, ricordò per sempre quei momenti e fino alla morte fu riconoscente al colonnello Montezemolo che a costo della vita non aveva mai rivelato il suo nome.

 

Bibliografia:
Giuseppe Capobianco, Il recupero della memoria, Napoli, 1995
Il capitano Iannotta,  a cura di Paolo Mesolella,  laboratorio storia IAC Pignataro Maggiore, 2012
Mario Avagliano, Il partigiano Montezemolo, Milano, 2012

 

 

 

 

Convegni Culturali

Maggio dei Monumenti 2019. Filangieri e il '700 dei Lumi

25esima edizione del Maggio dei Monumenti: Il diritto  alla felicità. Filangieri e il '700 dei Lumi.

Leggi tutto...

Altamura 1799 - 2019 Celebrazioni

20 Maggio - 22 Giugno 2019. Altamura, celebrazioni per il 220 anniversario della Repubblica Napoletana. Programma degli eventi.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2098
Web Links
6
Visite agli articoli
8128439

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 127 visitatori e nessun utente online