Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Tirannia latifondista e deficienze tecnologiche nel Regno borbonico

Condividi

Altro fiore all'occhiello della propaganda filo-borbonica (separatista come federalista), il “mito” dell'assenza di un' emigrazione dal Meridione verso l'estero durante gli anni del Regno delle Due Sicilie, argomento utilizzato a testimonianza del supposto benessere di cui, secondo i nostalgici di “Franceschiello” e dei suoi avi, avrebbe goduto il Sud in epoca preunitaria.

Si tratta di un esempio paradigmatico di propaganda “grigia” (il dato è parzialmente falso) perché se è vero che l'emigrazione meridionale era, effettivamente, contenuta prima dell' Unità per poi acuirsi assumendo livelli esponenziali dopo il 1861, è altrettanto vero che altre e ben differenti furono le cause alla base del fenomeno.

In particolare, se ne potranno evidenziare due:

1) La mancanza o lo scarso utilizzo, fino a quasi tutta la prima metà del XIX secolo (ovvero l'epoca coincidente con le ultime fasi di vita del Regno delle Due Sicilie), dei battelli a vapore.

2) L'opposizione, da parte della grande borghesia terriera meridionale, all'emigrazione.

Nel primo caso, osserveremo come soltanto nel 1801 venne realizzata la prima imbarcazione a vapore funzionante (la “Charlotte Dundas”), mentre soltanto nel 1838, con la costruzione ed il varo della “Great Western”, ebbero inizio ed impulso le grandi traversate transoceaniche (appena un ventennio prima della presa di Gaeta, quindi).

Prima di questo periodo, la navigazione si svolgeva ancora tramite vela, di conseguenza le linee che univano l'Europa alle Americhe erano meno battute , i viaggi meno frequenti (perciò più costosi) e molto meno sicuri.

Non va inoltre dimenticato che le flotte dei vari stati preunitari non potevano contare sullo stesso livello tecnologico di quelle dagli altri Paesi, pertanto anche i nostri esodi ebbero inizio con maggiore ritardo.

Con l'avvento e la diffusione del vapore (seconda parte dell'800), l'emigrazione da tutta Europa conobbe una triplicazione. Per quanto concerne il secondo caso, la grande borghesia agricola e i grandi latifondisti meridionali costituirono da sempre un freno all'emigrazione, perché il fenomeno avrebbe sottratto loro un'enorme quantità di manodopera (sotto i Borbone priva di qualsiasi garanzia di tipo sindacale) aumentando, di rimbalzo, il costo di quella che restava.

Al contrario, nel più industrializzato Nord, l'imprenditoria incoraggiava gli espatri in virtù dei grandi vantaggi che l'espansione del settore navale avrebbe comportato per le industrie. L'opposizione dei latifondisti si dimostrò tanto coriacea e potente da condizionare anche il nuovo Regno d' Italia, che varò alcuni provvedimenti restrittivi in materia come la Circolare Lanza (1873) e la Legge Crispi (1883).

Nel 1901, tuttavia, la possibilità di espatrio venne liberalizzata (Legge Luzzatti) e furono approntate severe disposizioni per la tutela e l'integrità del cittadino che decideva di lasciare l'Italia. Ad esempio, fu resa obbligatoria la presenza di personale medico-sanitario a bordo dei piroscafi e furono stabilite normative precise che riguardavano "la velocità minima delle navi, le dimensioni e il corredo delle cuccette, il numero massimo di persone per ciascun dormitorio in base al cubaggio, la modalità di installazione dei boccaporti, la quantità e la composizione dei pasti e la razione giornaliera di acqua".

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca a Napoli

La Salerno Editrice è lieta di invitarvi alla prima presentazione del volume Eleonora Pimentel Fonseca. L'eroina della Repubblica Napoletana del 1799, di Antonella Orefice, pubblicato nella collana "Profili".

L'evento si terrà a Napoli all'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano sito in Via Monte di Dio, 14, il giorno

16 Ottobre 2019 alle ore 17:30

Interverranno con l'autrice il presidente dell'I.I.S.F. Massimiliano Marotta, il prof. Luigi Mascilli Migliorini dell'Università di Napoli "l'Orientale", la prof.ssa Renata De Lorenzo dell' Università "Federico II" e il prof. Davide Grossi, ricercatore dell'Istituto Italiano Studi Storici.

 

 

 

 

 

 

 

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2164
Web Links
6
Visite agli articoli
8625123

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 256 visitatori e nessun utente online