Ricompare la porta della prigione dei condannati

Condividi

Ripuliti in profondità i fossati delle due torri aragonesi di via Marina, sono riemersi i basamenti da lungo tempo nascosti dal fango e dal sudiciume.

Ai piedi della quattrocentesca torre ‘Spinella’ è ricomparsa la porta di accesso alla prigione murata da decenni.

La torre tristemente nota in epoca borbonica come ‘guardione de’birri’ accoglieva i condannati a morte nelle ore che precedevano l’esecuzione.

"In questo torrione - racconta Antonella Orefice - chiamato comunemente 'guardione de' birri,  Eleonora e gli altri martiri del 1799 (ma non solo loro), trascorsero le ventiquattro ore dell’anticamera della morte. L’ultimo tragitto iniziava da qui e proseguiva lungo la cinta muraria del castello del Carmine del quale oggi è rimasto poco o niente. Oltre il tragitto i condannati oltrepassavano un vicolo, oggi inesistente, chiamato il ‘vicoletto dei sospiri’.

Da lì accedevano a piazza del Mercato passando sotto l’arco di Sant’Eligio."

Il progetto di restauro delle due torri sarà completato entro l’autunno.



Video del Comune di Napoli

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
114
Articoli
1958
Web Links
6
Visite agli articoli
6481908

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 218 visitatori e nessun utente online