Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

Cristoforo Grossi, medico e soldato della Repubblica del 1799

Condividi

Ospedale degli Incurabili. S. Maria del PopoloCristoforo Grossi fu una giovane vittima della reazione borbonica dopo la caduta della Repubblica Napoletana del 1799. Studente di medicina,  fu giustiziato in Piazza Mercato il 1° febbraio 1800.

Figlio di Antonio e Caterina Caputi, era nato il 28 maggio 1771, trascorrendo l’infanzia e l’adolescenza a Lagonegro prima di recarsi a Napoli presso uno zio vice Rettore dell’Ospedale degli Incurabili per perfezionare gli studi letterari e di medicina.

Durante i mesi della Repubblica Napoletana si arruolò nel Battaglione Sacro della Repubblica composto da studenti di medicina, ossia dagli allievi di Bagno del Collegio Medico degli Incurabili

Vincenzo Cuoco nel suo "Saggio Storico" lo ha ricordato tra giovani  martiri della libertà, dell’uguaglianza e della democrazia repubblicana da consacrare alla futura memoria.

“Sarà un giorno oggetto d’ ammirazione per la posterità l’ardore che i nostri Medici avevano sviluppato per la buona causa. I giovani Medici del grande Ospedale degli Incurabili formarono il battaglione sacro della nostra Repubblica”. Di Cristoforo Grossi conosciamo solo che egli fu fatto prigioniero dalle truppe sanfediste e brigantesche quando esse assaltarono l’Ospedale degli Incurabili, trucidando alcuni patrioti e facendone prigionieri altri.

Cristoforo Grossi fu condannato a morte per aver combattuto “ contro le armi del Re” il 27 gennaio 1800. Con lui fu condannato anche il siciliano Gaspare Pucci, praticante di medicina presso lo stesso ospedale nel quale era stato sorpreso con le armi in pugno e arrestato.

La sentenza di condanna, spedita dalla Giunta di Stato al re Ferdinando e alla regina Carolina, condannava Grossi e Pucci a morire sulla forca colla confisca dei beni. A Cristoforo Crossi fu tolta la vita il 1° febbraio in Piazza Mercato e il suo cadavere sepolto nella Chiesa del Carmine Maggiore “ nello storico e monumentale tempio dove, sotto l’arco, come disse il poeta, era stato sepolto Corradino”.

 

Convegni

Eleonora Pimentel Fonseca a Napoli

La Salerno Editrice è lieta di invitarvi alla prima presentazione del volume Eleonora Pimentel Fonseca. L'eroina della Repubblica Napoletana del 1799, di Antonella Orefice, pubblicato nella collana "Profili".

L'evento si terrà a Napoli all'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano sito in Via Monte di Dio, 14, il giorno

16 Ottobre 2019 alle ore 17:30

Interverranno con l'autrice il presidente dell'I.I.S.F. Massimiliano Marotta, il prof. Luigi Mascilli Migliorini dell'Università di Napoli "l'Orientale", la prof.ssa Renata De Lorenzo dell' Università "Federico II" e il prof. Davide Grossi, ricercatore dell'Istituto Italiano Studi Storici.

 

 

 

 

 

 

 

Eleonora Pimentel Fonseca, la nuova biografia di Antonella Orefice

A dieci anni dalla pubblicazione de “La Penna e la Spada” la cui monografia “Eleonora de Fonseca Pimentel. Il mistero della tomba scomparsa” ha avuto nel tempo ben cinque diverse edizioni, la Casa Editrice Salerno pubblica una nuova biografia sulla protagonista femminile della Repubblica Napoletana del 1799 nel 220 anniversario della sua morte.

L’opera “Eleonora Pimentel Fonseca” è stata curata da Antonella Orefice che da anni si occupa e pubblica lavori di ricerca relativi a quel periodo.

Leggi tutto...

Statistiche

Utenti registrati
121
Articoli
2164
Web Links
6
Visite agli articoli
8626757

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online