Delitti e Condannati nel Regno di Napoli: anime nude vestite di memoria

Condividi

S. Girolamo di CaravaggioPioveva forte quella mattina, il cielo era grigio, sembrava notte. Sotto una pioggia torrenziale ho incontrato per la prima volta Antonella Orefice, eravamo davanti alla porta dell’Archivio Storico Diocesano in attesa di qualcuno che ci facesse entrare.

Sotto il diluvio universale  in quegli attimi sospesi,  che solo le mura degli Archivi sanno regalare, abbiamo parlato di memoria, dimenticanza, destino, morte e Karma.

Abbiamo parlato della sua Eleonora e della mia Adriana, del suo Ettore Carafa e del mio Fabrizio Carafa, del valore delle parole scritte, della sacralità della memoria e del dovere del riconoscimento.

In quella giornata bagnata avevo trovato una amica, una rivoluzionaria che non si vende, che non mercifica, che non pontifica, che ascolta e lotta contro tutte le ingiustizie, anche quelle compiute secoli prima. Avevo trovato una guerriera.  

Che onore, che regalo avuto tra i documenti, le parole, i libri di un Archivio fuori da ogni tempo. 

Da quel momento in poi con la mia amica rivoluzionaria abbiamo condiviso istanti di riflessione,  presentazione e amarezza dovuta al giudizio di chi distrugge senza costruire.

Abbiamo camminato insieme su strade invisibili popolate di episodi mai raccontati con  nomi, date, sospiri, dolori e gioie.  Non sarei mai potuta mancare   alla presentazione del suo nuovo appassionante libro Delitti e Condannati nel Regno di Napoli.

Sull’invito c’era scritto  17,30  Palazzo Serra di Cassano, mi sono preparata in fretta ero in ritardo come al solito…Palazzo Serra di Cassano non dista molto da casa mia, ma avevo fatto male i calcoli, dovevo sbrigarmi, non potevo perdere nemmeno un attimo, con Antonella si viaggia nel tempo ed io adoro partire con lei .  Di corsa sono arrivata alla meta.

Davanti al portone molte persone, sulla scalinata una folla di gente in attesa di entrare, alcune vestite in jeans e maglietta altre con abiti colorati, altri ancora sembravano uscite da un libro di racconti… avevano glilet con bottoni dorati, pantaloni alla caviglia ed un’aria molto impegnata ,discutevano animatamente  di politica e di Napoli.

Sono sempre gli stessi discorsi, sbuffa una signora anziana, sempre gli stessi ... ideali meravigliosi che poi si sgonfiano alla prima difficoltà. Uno sguardo severo ci trafigge, la signora malpensante abbassa il suo.

Siete qui anche voi per il libro della Orefice? - chiedo al giovane uomo dallo sguardo penetrante vestito strano  “Si” mi risponde “ sono sempre con lei”.

Che amici interessanti ha Antonella … mi sorprendo a pensare mentre fisso gli occhi ipnotizzanti di quel giovane.

“Ettore!” Lo chiama improvvisamente una  donna…"vieni qui, Luisa ha occupato uno spazio per noi, riusciamo a sentire meglio”. Salutandomi gentilmente  con un cenno della testa l’uomo vestito strano si  sposta allontanandosi nella grande sala.

Mi siedo su una sedia sfogliando il libro appena acquistato senza mai perdere d’occhio Ettore. E’ appoggiato al muro quando Antonella inizia a parlare, le sorride, annuisce e commenta con discrezione  nell’orecchio di una donna che chiama Eleonora e di un’altra che commossa non smette mai  di soffiarsi il naso.

Antonella racconta dei padri Bianchi che avevano il compito di accompagnare i condannati a morte, racconta dei loro ultimi terribili attimi, della ingiustizia della pena di morte, della insensibilità dei Borboni, e io  la seguo leggendo nelle pagine del suo libro i nomi, le date e le motivazioni di uno scempio mai pianto:

Domenico Perla, impiegato, anni 24, Reo di stato

Antonio Tramaglia , avvocato, anni 30, Reo di Stato

Giuseppe Cuttitta , Bibliotecario, anni 35, Reo di Stato

Michele Natale, Vescovo, anni 48, Reo di Stato

Domenico Piatti, Banchiere, anni 53, Reo di Stato

Giuliano Colonna, Principe, anni 30, Reo di Stato

Antonio Piatti, Studente, anni 28, Reo di Stato

Eleonora Fonseca Pimentel, Letterata, anni 47, Reo di Stato

Michele Marino, Vinaio, anni 46, Reo di Stato

Gaetano de Marco, Maestro di Scherma, anni 40, Reo di Stato

Luisa Molina Sanfelice, Benestante, anni 36, Reo di Stato

Ettore Carafa, Conte di Ruvo, anni 32, Reo di Stato

"Un’intera classe pensante, colta di Napoli è stata cancellata, dimenticata", tuona al microfono la mia amica rivoluzionaria ed ha ragione, quanto ha ragione…uomini e donne che ci appartengono, che appartengono alla storia di Napoli assolutamente ignorati.

Non una lapide a ricordare la loro vita, non una lapide a ricordare la loro morte. Solo nomi vergati da scrivani ecclesiastici che fermano in poche righe il loro ultimo giorno di vita.

L’opera dei Bianchi, scrive la passionaria Antonella, è ricordare attraverso la loro penosa e secolare missione, la sofferenza di chi ha pagato con la vita un delitto commesso o lo sconfinato amore per la libertà.                                                                                        

Ettore è sempre di fronte a me, commosso fino alle lacrime, con un braccio cinge la donna che chiama Eleonora, attenta e compenetrata ad ogni parola pronunciata da Antonella. Si sentono dei singhiozzi…è la donna del fazzoletto oramai intriso di lacrime

“Luisa” la chiamano in coro “devi firmare, fai presto, dobbiamo consegnare la pergamena”   Un grande foglio di carta viene passato di mano in mano.  Ma quanti sono? Non mi ero accorta che in ogni angolo del palazzo , sulla scalinata, appoggiati alle porte e ai muri , c’era un esercito di ragazzi, ragazze, uomini, donne, preti.  Sarà un regalo … penso …  e  guardo incuriosita il foglio che la mano tremante della fragile Luisa mi fa passare distrattamente davanti.  Una marea di firme possiede la carta bianca:

Ettore Carafa

Eleonora de Fonseca Pimmentel

Luisa Sanfelice

Gennaro Serra di Cassano

Gabriele Manthonè

Pasquale Seyes

Giuseppe Riario Sforza

Onofrio Colaci

Giovanni Varanese

Francesco Federici

Raffaele Montemayor……….

 e sopra l’oceano di inchiostro  una dedica:

Ad Antonella che ha vestito di  dignità e memoria le nostre anime nude

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
117
Articoli
2054
Web Links
6
Visite agli articoli
7333837

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 230 visitatori e nessun utente online