Convegni Culturali

Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano. Incontri culturali

7-9-30 Maggio, Museo Civico del Risorgimento di S. M. Capua Vetere

Leggi tutto...

Lezioni di Storia Festival

25-28 aprile 2019. Il primo Festival di Storia a Napoli

Leggi tutto...

220 Anniversario della Repubblica Napoletana del 1799

 Calendario eventi dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...

Luigi Mascilli Migliorini "La verità dei vinti. Quattro storie mediterranee"

15-18 aprile 2019, ore 16 Istituto Italiano per gli Studi Filosofici

Leggi tutto...
 

Eleonora de Fonseca Pimentel, ricordandoti

La Isis lactans di Carinola conservata nel museo Egizio di Berlino

Condividi

Consultando il testo di V. Tam Tinh Tran e Yves Labrecque "Isis Lactans - Corpus des documénts gréco-romains d'Isis allattant Harpocrate -", si può leggere che la statuetta, inventariata n. 20004, conservata nel Museo Egizio di Berlino, proviene dalla città di Carinola.

Trattasi di una statuetta del II secolo d.c in verde grés scuro della dea Iside raffigurata nel gesto di allattare il figlioletto Arpocrate.

Pur mancante dell'avambraccio e della testa di Iside, è facilmente riconoscibile la tipologia delle raffigurazioni della dea egizia che porge il seno sinistro denudato alla bocca di un bambino.

Molto interessante la simbologia della statuetta proveniente da Carinola con la dea seduta su un trono con braccioli terminanti in figure di sfingi accovacciate e con le fiancate del seggio decorate da figure di grifoni alati, simboli di Nemesi, appoggiati ad una ruota.

Sulla faccia posteriore del dossale vi è una figura di Iside Thermutis nella sua forma di serpente con la tipica pettinatura hatorica posta di fronte al serpente Agatodemone che reca una corona del Basso Egitto.

Si può senz'altro affermare che il prototipo della statuetta è da collegare all’arte della prima età alessandrina, ossia del periodo che va dal IV secolo a.c agli inizi del terzo secolo a.c., di cui fa parte anche la nota statuetta firmata da Pausanias e che fu rinvenuta in una bottega di Ercolano.

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
118
Articoli
2076
Web Links
6
Visite agli articoli
7984455

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 179 visitatori e nessun utente online