Aldo Masullo ricorda Giordano Bruno

Condividi

Un simbolo fra i più potenti della libertà di pensiero, per la sua scelta di terminare la propria esistenza in modo eroico e coerente piuttosto che rinnegare gli ideali e condurre così una vita che avrebbe perso di significato: "...aver preferito una morte animosa a un'imbelle vita”, scrisse nelle sue ultime ore Giordano Bruno, mentre davanti ai giudici dell'Inquisizione seppe rispondere: «Forse tremate più voi nel pronunciare questa sentenza che io nell'ascoltarla».

Il 17 febbraio del 1600, 414 anni fa, l'oscurantismo e l'ignoranza della Chiesa romana uccisero con un rogo a Campo de' Fiori, a Roma, il corpo del filosofo nolano; ed il 17 febbraio 2014 a Napoli, nella Sala del Capitolo del complesso di San Domenico Maggiore, proprio dove Bruno cominciò i suoi studi ed ebbe i primi problemi con l'inquisizione, ecco il ricordo di uno dei suoi migliori studiosi, il filosofo Aldo Masullo.

E con la Lectio di Aldo Masullo parte un ciclo di conferenze promosso dall'Assessorato alla Cultura nel quadro dell'iniziativa - L'orgoglio è un pensiero. Pensato a Napoli -, un'iniziativa elaborata per il 30° anniversario della scomparsa di Eduardo, che all'allora Sindaco Maurizio Valenzi scrisse “Ricorda sempre che alle offese, le ingiurie, le calunnie, il napoletano deve rispondere con il suo orgoglio".

 

 


 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
114
Articoli
1958
Web Links
6
Visite agli articoli
6465809

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 349 visitatori e nessun utente online