Compostaggio nel carcere di Secondigliano: posata la prima pietra

Condividi

Collegamento VideoAl di là della sua indubbia utilità, il messaggio potrebbe essere letto così: da un luogo di pena esce un prodotto fertile, che diventa anche il simbolo della ciclicità del corso biologico e di uno stato di avanzata ideologia nel trattamento dei rifiuti: nel Centro Penitenziario di Secondigliano questa mattina è stata posata la prima pietra dell'impianto di compostaggio realizzato all'interno dello stesso carcere.

Il progetto, che è frutto di un tavolo promosso dal Comune di Napoli, ed è stato approvato con due deliberazione di Giunta e Consiglio, permetterà dunque la realizzazione del primo impianto di compostaggio aerobico all'interno del Comune di Napoli.

Oltre ai vantaggi economici, con l'eliminazione dei costi di smaltimento e di trasporto, ed a quelli ambientali per la salvaguardia ed il maggior rispetto per l'ambiente, ne verranno anche vantaggi sociali, grazie all'inclusione dei soggetti svantaggiati nella formazione e nel lavoro, con competenze spendibili anche al temine del periodo di detenzione. (Video Correlato)

 

Cerca

Condividi su FaceBook



Statistiche

Utenti registrati
114
Articoli
1958
Web Links
6
Visite agli articoli
6470146

(La registrazione degli utenti è riservata solo ai redattori) Visitatori on line

Abbiamo 301 visitatori e nessun utente online